Pedologia (Suolo)scuola

Manipolazione del suolo da parte dell’uomo: l’entisolizzazione

L’uomo nell’ultimo secolo ha profondamente cambiato il suolo per le sue attività agricole e per le infrastrutture. Il suolo che permette la coltivazione e la vita dell’uomo non è molto esteso se si considerano i suoli inospitali e mediamente è profondo meno di un metro. Lo sfruttamento del suolo per il sostentamento di un miliardo di persone che vivono nei paesi più industrializzati con un consumismo eccessivo, sommato agli altri sei miliardi che comunque devono nutrirsi, crea inevitabilmente un consumo del suolo notevole.

L’uomo sfrutta il suolo per ricavarne risorse naturali, lo modifica con macchinari sempre più potenti per migliorare la produttività agricola, ne sottrae ampi spazi per la costruzione di infrastrutture e spazi urbani, lo utilizza per stoccare i suoi rifiuti.

Tolta la parte di suolo utilizzata per la creazione di spazi urbani e per le infrastrutture, quello che rimane del suolo viene modificato dall’uomo portando il suo stato al tempo zero (t=0), cioè quello iniziale di formazione chiamato entisolizzazione e riducendo quella pedodiversità che ha contraddistinto la formazione dei suoli nel tempo.

La mano pesante dell’uomo e delle sue attività agricole è un nuovo elemento da tenere in considerazione nello studio dell’evoluzione del suolo, aggiungendolo ai fenomeni di alterazione chimica e fisica che nel tempo lo modificano.

Cosi possiamo parlare di suoli “anthropogenici” oppure “technogenici” per distinguerli da quelli che si sono sviluppati per l’alterazione della roccia nel tempo a causa di fattori biotici e abiotici .

Allo stesso modo possiamo parlare dei suoli lavorati e che hanno quindi perso l’aspetto originale come “masse terrose” per distinguerli da quelli che presentano ancora le caratteristiche derivanti dalla pedogenesi.

Visto l’aumento costante ed esponenziale della tecnologia nelle attività umane e la scarsità dei suoli utilizzabili è ovvia la necessità di prendere maggiore coscienza del suolo e salvaguardare la pedodiversità per un futuro più sostenibile.

Foto del web

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Nicosia: Festa di primavera, tra Camelie, storia e sogni
    Una festa dedicata alle camelie, alle storie e ai sogni legati al convento, a Nicosia, al territorio, alle relazioni, alla comunità. Una festa che apre i battenti sabato 16 marzo alle ore 18.00 a Nicosia, nella Chiesa di sant’Agostino, con un concerto e l’inaugurazione della mostra “L’uomo che sognava i leoni. La storia del pittore
  • Introduzione di insetti esotici e danni agli agrumi.
    Gli insetti sono gli organismi che con più facilità riescono a viaggiare tra continenti all’interno delle merci. L’Italia si trova in una posizione geografica centrale ed è un crocevia per il traffico di merci, inoltre ha un ampio range di microclimi che permette agli insetti alieni di ambientarsi facilmente e riprodursi con facilità. Nel nostro
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere
  • Lavori mese per mese: Gennaio
    Il mese di gennaio è un mese di particolare riposo per tutti. Sia per le piante e sia per i coltivatori. Vediamo i vari lavori che si possono comunque fare nelle diverse situazioni di coltivazione. In casa Eliminare le foglie ingiallite e cecare di individuare la causa dell’inconveniente. Potrebbe trattarsi di una mancata irrigazione. Dedicare
  • La begonia, il fiore di casa e giardino
    La begonia viene coltivata per la bellezza delle foglie carnose e variopinte e dei fiori che possono spaziare dal bianco al giallo, per passare al rosso. Appartiene alla famiglia delle Begoniacee e le specie coltivate sono la Grandiflora, multiflora, camellieflora, ecc e molti ibridi commerciali della Begonia tubercolata. E’ una pianta tuberosa, con fusti carnosi
  • Genetica: l’identificazione del DNA come la molecola ereditaria
    Nel corso del tempo gli studiosi avevano identificato i possibili responsabili delle informazioni ereditarie. Da un lato potevano essere le proteine e dall’altro gli acidi nucleici. Nel primo caso gli scienziati avevano venti amminoacidi che potevano trasmettere le informazioni genetiche, dall’altro solo quattro acidi nucleici o basi azotate. Gli esperimenti nel corso di un secolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.