News

55^ Campionaria d’autunno, torna a Vittoria l’atteso evento fieristico d’autunno

Sarà inaugurata sabato 5 novembre alle ore 16.00 la 55^ edizione della Fiera Campionaria d’autunno, in programma al Polo Fieristico di Vittoria dal 5 al 13 novembre 2022. Un’edizione che sul solco della tradizione punta a guardare con fiducia al futuro consapevole delle difficoltà in cui si ritrovano ad operare la maggior parte delle imprese e delle nuove sfide economiche e di rilancio dei territori a cui si è chiamati a partecipare.

«Una crisi, quella di oggi, che non può bloccare le aziende che vogliono investire nel proprio futuro – ha dichiarato il presidente della Vittoria Mercati, Carmelo Diquattro, nel corso della conferenza stampa di presentazione-. Sono centinaia le aziende che hanno scelto di partecipare e tanti i settori coinvolti: dal giardinaggio all’arte, dal mondo delle auto agli abiti da cerimonia con due segmenti nuovi, ossia quello della formazione e quello finanziario con la presenza di un consorzio fidi. E poi diverse iniziative collaterali a testimonianza di un mondo che vuole riprendere fiato e, novità, uno stand per il lancio di una fiera a cui stiamo già lavorando ossia la Vittoria Comix, che nascerà grazie al supporto di numerosi giovani».

“Idee a portata di mano” recita il claim di quest’anno a sottolineare le tante soluzioni per la casa, per il giardinaggio, per l’abbigliamento, il tempo libero e non solo che la Campionaria, come da tradizione, si propone di offrire ai visitatori.

«Attraverso la 55^ edizione della Campionaria d’autunno di Vittoria, vogliamo sottolineare la resilienza di questa città e il desiderio di riappropriarci delle nostre origini -ha sottolineato l’assessore comunale allo sviluppo economico, Anastasia Licitra-. Una fiera da leggere non solo in una chiave economica ma anche in quella culturale con un occhio attento ai temi del momento come quello delle energie rinnovabili. Vogliamo dare vicinanza agli imprenditori e ci auguriamo che possa essere un ottimo trampolino di lancio per la città».

Fondata nel 1966, la “Novembrina” di Nuova Emaia Città vuole incontrare un vasto pubblico proponendo anche iniziative collaterali, alcune delle quali si possono ritenere degli appuntamenti storici. Ne è un esempio la Fiera del Bestiame, a cura di ACEV Vittoria, che si terrà domenica 6 novembre a partire dalle ore 7.30: un intreccio di folclore e divertimento specie per il pubblico più piccino dove protagonista sarà il mondo dell’ippica. Una giornata all’insegna della tradizione, che da sempre racconta la storia della civiltà contadina locale e allo stesso tempo incanta con le migliori razze di cavallo che sfileranno proponendo diverse discipline equestri. E poi spazio anche all’asino ragusano protagonista di momenti didattici. «Sarà una bella manifestazione che mira a ravvivare le proprie radici –ha affermato l’assessore alla tradizione popolare, Filippo Foresti-. Dobbiamo puntare alla nostra memoria storica perché le tradizioni vanno difese». 

Tra gli eventi immancabile la Fiera di San Martino, in calendario il 12 e 13 novembre, che da 300 anni è una delle iniziative più attese in città, simbolo della festa popolare, con le numerose bancarelle ricche di vivacità. Tra gli eventi collaterali le degustazioni di grappa da vitigni autoctoni a cura di ANAG Sicilia, momenti di fitness con le associazioni sportive di Vittoria, spettacoli di musica.

«Considero questa fiera come una interfaccia fra passato e futuro, connette le esperienze storiche fatte ad un futuro di cambiamenti – ha sottolineato il sindaco di Vittoria, Francesco Aiello, a conclusione della conferenza stampa-. Abbiamo ripreso i contatti con il territorio ed è chiaro che dobbiamo ora spingere in avanti questa capacità di rappresentare il nuovo. La Campionaria – prosegue il primo cittadino – deve essere una occasione di espressione alta della città di Vittoria e per questo dobbiamo guardare oltre rispetto alle condizioni storicamente date. Abbiamo bisogno di introdurre spunti di innovazione, creare quelle gambe con cui la città può rinascere. Innovare significa che ritrovare la fiducia in se stessi e trovare formule nuove in rapporti che inevitabilmente sono mutati. La Campionaria d’autunno si colloca in un momento importante per la città di Vittoria, grazie alla realizzazione di un sogno che da anni accarezziamo ossia la nascita del Parco del Cerasuolo, grazie al Gal Valli del Golfo: esso rappresenta l’inizio di un percorso di crescita straordinario che non può passare inosservato. Da non dimenticare la serricoltura, l’agricoltura del nuovo mondo, di cui noi siamo maestri. Siamo carichi di una grande cultura agraria che proprio qui è nata e che va ora ripensata e sostenuta. Quindi, la Campionaria si colloca in questo frullare di interessi, di idee, di ambizioni. Infine, vorrei anche annunciare la nascita della Strada dei Cento Carretti, il cui progetto da oggi prende vita e che si concretizzerà il prossimo anno. Non dobbiamo dimenticare il fatto che noi eravamo la civiltà del carretto, quella civiltà che attirava i commercianti di ogni luogo e che rimanda alla Sicilia del Liberty e dei Florio e che proprio nel carretto potrà riproiettarsi con forza verso il futuro».

Gianna Bozzali

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • La begonia, il fiore di casa e giardino
    La begonia viene coltivata per la bellezza delle foglie carnose e variopinte e dei fiori che possono spaziare dal bianco al giallo, per passare al rosso. Appartiene alla famiglia delle Begoniacee e le specie coltivate sono la Grandiflora, multiflora, camellieflora, ecc e molti ibridi commerciali della Begonia tubercolata. E’ una pianta tuberosa, con fusti carnosi
  • Genetica: l’identificazione del DNA come la molecola ereditaria
    Nel corso del tempo gli studiosi avevano identificato i possibili responsabili delle informazioni ereditarie. Da un lato potevano essere le proteine e dall’altro gli acidi nucleici. Nel primo caso gli scienziati avevano venti amminoacidi che potevano trasmettere le informazioni genetiche, dall’altro solo quattro acidi nucleici o basi azotate. Gli esperimenti nel corso di un secolo
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.