La sfida del “Frantoio del Cavaliere”: nessun aumento. Si lavora come lo scorso anno

Siamo in piena campagna olivicola ed il terrore che gli aumenti del costo dell’energia elettrica potesse rendere troppo oneroso il costo del frantoio, almeno a Bagheria è stato scongiurato dal coraggio dei conduttori degli impianti. Almeno inizialmente. Ne abbiamo parlato in generale con Pasquale Sciortino del “Frantoio del Cavaliere”.

Facciamo il punto sulla stagione delle olive nelle campagne siciliane. Sicuramente nella zona costiera del palermitano ci sono poche olive agli alberi. Anche la resi di questa zona è solitamente molto bassa e questo rende la raccolta antieconomica. Solo quando gli alberi sono “pieni” nella zona costiera conviene la raccolta.

Cosa diversa, invece, nelle parti alte del bagherese e nei comuni limitrofi tra le colline e le montagne più alte. Qui la produzione di olive è stata di buon livello, anche se non piena, e la qualità dell’olio è elevata. Anche la resa non è male. Si aggira dal 14 al 18% e questo mantiene basso il costo dell’olio di oliva che si attesta su circa 8 euro al litro. In alcuni casi anche a 7 euro al litro.

La stagione estiva e la siccità degli ultimi giorni hanno tolto acqua alle olive senza abbassare troppo la qualità dell’olio presente all’interno dei frutti.

Nella zona del trapanese e di Alcamo la stagione delle olive ha tenuto e la quantità prodotto anche se inferiore non incide molto. Secondo le stime delle associazioni di categoria del settore olivicolo nelle regioni di maggior produzione mancano all’appello quasi mezzo milione di tonnellate di olio. se assumiamo i costi dell’energia elettrica in crescita, possiamo affermare che la scelta dei frantoiani bagheresi e del nostro amico Pasquale Sciortino del “Frantoio del Cavaliere” e, senza dubbio, molto coraggiosa.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • La sfida del “Frantoio del Cavaliere”: nessun aumento. Si lavora come lo scorso anno
    Siamo in piena campagna olivicola ed il terrore che gli aumenti del costo dell’energia elettrica potesse rendere troppo oneroso il costo del frantoio, almeno a Bagheria è stato scongiurato dal coraggio dei conduttori degli impianti. Almeno inizialmente. Ne abbiamo parlato in generale con Pasquale Sciortino del “Frantoio del Cavaliere”. Facciamo il punto sulla stagione delle
  • Il parco regionale dei Colli Euganei
    Per 15.000 ettari, interessando ben quindici comuni, il parco comprende i maggiori rilievi collinari della Pianura Padana a sud-ovest di Padova: i colli Euganei. In quest’area, fertile e riparata, numerose ville, abbazie e case rurali hanno trovato in passato il luogo ideale, mostrando al visitatore un esempio di felice integrazione tra natura e attività dell’uomo.
  • Dittrichia viscosa: conosciuta come inula viscosa
    L’Inula viscosa è una specie officinale, è febbrifuga e vulneraria e contiene principi attivi e oli essenziali, che in passato venivano usati come antimicotici, per dermatiti e eczemi della pelle, per regolare la sudorazione dei piedi inoltre le si attribuivano proprietà antimalariche . Pare che il nome dialettale “erva ti la malaria” facesse riferimento a
  • Sicilia:Parco dei Nebrodi
    Questo parco, situato nella zona nord est dell’isola, occupa più di 85.000 ettari e offre innumerevoli possibilità escursionistiche che conducono a luoghi mozzafiato, alcuni dei quali raggiungibili anche in macchina. Delimitato a nord dai Monti Nebrodi e a sud dall’Etna, il territorio del parco mostra una natura molto diversificata: aspre zone rocciose lasciano spazio ad
  • I COLORI AUTUNNALI: PERCHE’ SIAMO IN RITARDO?
    Chi si occupa a vario titolo di coltivazione ha notato che la stagione autunnale è in ritardo. Anzi in alcuni casi piante che dovrebbero essere spoglie hanno i fiori… Di seguito pubblichiamo un interessante articolo del Dott. Ferrini sull’argomento, sperando di fare cosa gradita ai nostri lettori. Siamo a fine ottobre e gran parte dei
  • Altavilla Milicia: Grotta Mazzamuto ed il suo bosco. Ognuno pianti un albero
    Ad Altavilla Milicia si trova una Grotta chiamata Mazzamuto che si apre ad un panorama mozzafiato sul Mar Tirreno. Davanti alla grotta vi erano tantissimi alberi di macchia mediterranea che sono andati in fiamme durante il periodo estivo qualche anno fa per incendi che con molta probabilità sono stati dolosi. L’associazione che ha preso il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.