Cytisus scoparius – La ginestra dei carbonai

I sui rami, grazie alla loro scarsa infiammabilità, venivano posti sulla cima delle cataste di legna assieme a fronde di felci circondate dalla terra a formare le carbonaie, consentendo una combustione più lenta e favorendo quindi una produzione di carbone di migliore qualità.

Inoltre i carbonai, la usavano anche per coprire il tetto delle capanne che costruivano nei boschi dove in estate restavano a lavorare.

Anche il colore dei baccelli richiama il colore del carbone e dei carbonai dopo il duro lavoro L’insiemi di questi fatti aggiunto alla sua abbondante crescita attorno alle carbonaie, ha dato origine al suo nome volgare, Ginestra dei carbonai.





I fiori possono essere usati come sostituti dei capperi o aggiunti ad altre verdure nelle insalate. Il seme tostato è un surrogato del caffè. Si consiglia un uso moderato di questa pianta in quanto tossica.

Giuseppe De Palma









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.