Un pò di tecnica: la moltiplicazione per divisione

Chi ama il giardinaggio, prima o poi, dovrà affrontare l’argomento moltiplicazione. Non tanto per evitare di acquistare sempre piante, ma per l’orgoglio di veder crescere le piante. Ci sono diverse tecniche per riprodurre le nostre piante che variano a secondo delle varietà e che presentano difficoltà diverse.

Una di queste tecniche è la moltiplicazione per divisione.

Questo metodo consiste nel dividere i cespi delle erbacee perenni o degli arbusti a germogli radicali e trapiantando, poi, le singole parti così ottenute perchè diano vita a una nuova pianta. Nel caso dei germogli radicali non facciamo altro che sfruttare a nostro vantaggio quello che la pianta già fa di suo per moltiplicarsi. Infatti, molte piante utilizzano questi germogli per allargare in spazi incolti la loro vegetazione. Un tipico esempio è la Sanguinella e, nel caso dei nostri giardini, la forzisia.

Anche le bulbose si moltiplicano per divisione trapiantando i bulbilli che si formano al lato del bulbo madre oppure, come nel caso del giglio, all’ascella delle foglie.

Il periodo per applicare un simile sistema dipende su che varietà andrà applicata. Nel caso di erbacee perenni solitamente il periodo migliore è alla ripresa vegetativa, mentre per i bulbilli bisogna quasi sempre aspettare il riposo vegetativo del bulbo madre. Per quelle ascellari possono essere messe a terra subito e lasciare che la natura faccia il suo corso.

Come si evince ci vuole esperienza ed il giusto grado di serena “pazzia” per fare tentativi che, inevitabilmente, possono rieuscire o fallire.

Bulbilli dell’aglio

Nella moltiplicazione per separazione dei cespi, ad esempio, bisogna fare molta attenzione alle radici che si vanno a dividere per evitare di compromettere la pianta e la riuscita della divisione.

Foto dal web

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Un pò di tecnica: la moltiplicazione per divisione
    Chi ama il giardinaggio, prima o poi, dovrà affrontare l’argomento moltiplicazione. Non tanto per evitare di acquistare sempre piante, ma per l’orgoglio di veder crescere le piante. Ci sono diverse tecniche per riprodurre le nostre piante che variano a secondo delle varietà e che presentano difficoltà diverse. Una di queste tecniche è la moltiplicazione per
  • A Monreale la Giornata nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare – “La giornata di Marilù!
    [Agronomi Palermo] Il 20 maggio si celebra la giornata della biodiversità di interesse agricolo ed alimentare. La biodiversità agricola e tutto quello che è strettamente legato al territorio, passando per tradizioni, manualità, genialità etc. vede spesso i Dottori Agronomi e Forestali in prima linea. Molti sono i casi di Agronomi che con il loro lavoro
  • GIÙ LE MANI DALLA STAZIONE (di granicoltura) di CALTAGIRONE
    A due passi da Caltagirone, nella piccola frazione di Santo Pietro, vive dal 1927 una realtà, non conosciuta ai più, ma che rappresenta uno dei vanti della Sicilia: la Stazione consorziale sperimentale di granicoltura. Venne istituita nel 1927 da un regio decreto nell’ambito della battaglia del grano, che voleva rendere l’Italia autosufficiente nella produzione di
  • Cicca di sigaretta: da pericolo a risorsa recuperata. Anche Bagheria installa i Re-cig
    La cicca di sigaretta o mozzicone è un vero pericolo per l’ambiente e la salute. Anche se negli ultimi anno il numero di fumatori in Italia è diminuito, l’abbandono delle cicche è sempre notevole ed è un problemi per l’ambiente sotto diversi aspetti. Lo hanno capito anche l’amministrazione comunale di Bagheria, in Provincia di Palermo,
  • Il tempo della fioritura dell’Aquilegia vulgaris
    Passeggiando tra i sentieri di montagna e nelle valli delle regioni settentrionali si ci potrà imbattere nel bellissimo fiore dell’Aquilegia Vulgaris che tra maggio e giugno fiorisce abbondantemente. Spesso si incontra nei giardini dove viene coltivata per il colore dei suoi fiori. La propagazione spontanea tramite semi che vengono sparsi da uccelli ha reso selvatica
  • Ritorna la Takahashia japonica (Cockerell) – Cocciniglia dai filamenti cotonosi
    Lo scorso anno in Lombardia era possibile incontrare nei rami degli alberi ornamentali la cocciniglia dai filamenti cotonosi, la Takahashia Japonica che, dal nome, rileva l’origine e la diffusione. Per la prima volta è stata rilevata in Italia nel 2017 in un parco pubblico a Cerro Maggiore (Milano) su di un albero di Liquidambar Styraciflua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.