chimicascuola

Cosa é il modello di Lewis del legame chimico?

Il modello di Lewis del legame chimico è una rappresentazione che ci descrive in modo opportuno atomi e legami.

Secondo questo modello gli atomi si legano tra loro per assomigliare nella configurazione elettronica al gas nobile più vicino come numero atomico. Gli atomi che perdono elettroni per raggiungere il guscio elettronico del gas mobile si chiamano cationi e presentano una carica positiva.Gli atomi che acquistano elettroni si chiamano anioni è hanno carica negativa.

Tra cationi e anioni si forma un legame chimico chiamato ionico, mentre quando due atomi condividono gli elettroni il legame si chiama covalente.

La tendenza degli atomi degli elementi del gruppo 1A e 7A a raggiungere un guscio esterno con 8 elettroni di valenza si chiama regola dell’ottetto. Per stabilire in linea generale se un legame é ionico o covalente, apolare o polare, bisogna fare un confronto tra l’elettronegatività degli atomi coinvolti nel legame.

L’elettronegatività misura la tendenza di un atomo ad attirare a sé gli elettroni di legame. Se la differenza di elettronegatività è minore di 0,5 il legame covalente è non polare o detto apolare, e gli elettroni sono egualmente condivisi punto se la differenza di elettronegatività è compresa tra 0,5 e 1,9 siamo in presenza di un legame covalente polare e gli elettroni sono spostati verso l’atomo più elettronegativo.

Quando la differenza di elettronegatività è maggiore di 1,9 siamo in presenza di un legame ionico e gli elettroni vengono strappati dall’atomo più elettronegativo.

La struttura di Lewis deve mostrare:

1- la corretta disposizione degli atomi

2- Il corretto numero degli elettroni di valenza

3- non più di due elettroni nel guscio esterno dell’idrogeno

4- non più di otto elettroni nel guscio esterno di ogni altro elemento del secondo periodo.

5- la carica formale é la carica presente su un atomo in una molecola o in uno ione poliatomico.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere
  • Lavori mese per mese: Gennaio
    Il mese di gennaio è un mese di particolare riposo per tutti. Sia per le piante e sia per i coltivatori. Vediamo i vari lavori che si possono comunque fare nelle diverse situazioni di coltivazione. In casa Eliminare le foglie ingiallite e cecare di individuare la causa dell’inconveniente. Potrebbe trattarsi di una mancata irrigazione. Dedicare
  • La begonia, il fiore di casa e giardino
    La begonia viene coltivata per la bellezza delle foglie carnose e variopinte e dei fiori che possono spaziare dal bianco al giallo, per passare al rosso. Appartiene alla famiglia delle Begoniacee e le specie coltivate sono la Grandiflora, multiflora, camellieflora, ecc e molti ibridi commerciali della Begonia tubercolata. E’ una pianta tuberosa, con fusti carnosi
  • Genetica: l’identificazione del DNA come la molecola ereditaria
    Nel corso del tempo gli studiosi avevano identificato i possibili responsabili delle informazioni ereditarie. Da un lato potevano essere le proteine e dall’altro gli acidi nucleici. Nel primo caso gli scienziati avevano venti amminoacidi che potevano trasmettere le informazioni genetiche, dall’altro solo quattro acidi nucleici o basi azotate. Gli esperimenti nel corso di un secolo
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.