Achillea Millefolium

Viene chiamata comunemente millefoglio o artiglio del diavolo, è un’erbacea perenne con radice stolonifera e con fusto alto circa 50 cm ( in condizioni ottime può superare facilmente questa altezza) ed è molto resistente.

Le foglie sono alterne nel fusto e finemente pennate, assai frastagliate in segmenti lineari.

Fiorisce nel periodo estivo con capolini floreali con colori dal bianco al rosa. I fiori sono piccoli e raccolti in corimbi compatti. Ci sono alcune cultivar dell’achillea con colore dei fiori molto più accese.





La sua diffusione in Italia è ampia per via del suo clima mite in gran parte delle regioni. L’achillea viene spesso utilizzata per i giardini fioriti e accompagnare altre piante come le rose. La sua fioritura lunga e la sua adattabilità all’ambiente la rendono ideale per le aiuole di casa. Bisogna però fare attenzione a non renderla invasiva. Quando i fiori appassiscono basterà toglierli e si potrà avere una seconda fioritura tardiva ai primi di autunno.

Le sue foglie sono commestibili, mentre i fiori sono utilizzati in erboristeria. Recidendo la pianta a dieci cm dal terreno di possono effettuare diversi raccolti durante la stagione estiva.

Perchè mantenga inalterate le sue qualità va essiccata velocemente in zona ombrosa e arieggiata e poi poi in contenitori chiusi ermeticamente e conservati in luogo asciutto.

In cucina: L’odore intenso rispecchia perfettamente il suo sapore amaro, ma gradevole. Le foglioline fresche posso essere aggiunte in insalate e minestre senza esagerare per via del loro intenso sapore. Ottima scelta anche per insaporire le salse, gli aceti e i liquori casalinghi.

La ricetta: Salsa di Achillea
Ingredienti: 30 foglie di achillea, 2 cucchiai di rafano grattugiato, i1 cucchiaio di senape, 2 uova, 1 limone, 1 cucchiaio di burro, pepe.

Procedimento:
Con la frusta emulsionate i tuorli d’uovo con il succo di limone, il burro e pochissima acqua; scaldate con fiamma moderata continuando a mescolare fino ad ottenere una consistenza densa. Unite il rafano e la senape. Tagliate le foglioline di achillea finemente e aggiungete alla cottura. Continuando a mescolare insaporite con il pepe. Usate la salsa con pietanze a base di pesce e uova.

In medicina:
Tutta la pianta contiene principi attivi e oli essenziali utilizzati in erboristeria. La concentrazione dei principi è più alta nei fiori. Ai fini erboristici è utilizzata come calmante nervoso e nella cura delle feriti e delle emorroidi, nei disturbi mestruali e in quelli digestivi. E’ utile in caso di febbre, influenza e raffreddore.









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.