In Natura

Il tipo di terreno e come renderlo perfetto alla coltivazione

I terreni si possono dividere in argillosi, sabbiosi, calcarei, salsi, umiferi. Sono terreni argillosi tipici quelli maggiormente compatti. Per questa loro caratteristica si lavorano con molta fatica e non lasciano circolare agevolmente l’acqua, che, a causa di ciò, difficilmente può arrivare negli strati profondi e, fermandosi alla superficie dà luogo ad una caratteristica mota appiccicosa che poi, disseccandosi, diviene una dura crosta con screpolature anche profonde. Questi terreni si riscaldano e perdono il calore piuttosto lentamente.

Le terre sabbiose sono invece sciolte e lasciano passare l’acqua con grande facilità senza pericoli di ristagno; d’altra parte proprio per questa loro caratteristica di asciugarsi rapidamente richiederebbero acqua molto spesso. Non sono ricche di nutrimento per le piante. Si riscaldano velocemente ma non trattengono calore.

Le terre calcaree sono chiare; se ne sfariniamo una zolletta un leggero strato ci resta attaccato alla mano. Se esposte a sorgenti di calore lo assorbono con rapidità ma trattengono tanto questo che l’acqua solo per brevissimo tempo e, seccandosi, fanno una crosta in superficie.

I terreni salsi possono avere origine vulcanica o derivare da un terreno dove si siano riversate acque salate di fiume; ma per lo più si trovano in vicinanza del mare, ricoperti in antico dalla massa di acqua salata che ritirandosi ha lasciato ]a terra fortemente impregnata di sali.

I terreni umiferi sono specialmente quelli generatisi da ammassi di vegetali che si sono decomposti formando quella materia scura che si chiama humus e che si trova anche nei boschi per la decomposizione dei frammenti delle piante che possono cadere sul suolo. I terreni con moltissimo humus e poca calce sono acidi.

In tutti i terreni è contenuta anche se in piccola quantità l’argilla, prezioso elemento base che regola l’assorbimento delle sostanze nutritive da parte delle piante, la circolazione dell’acqua etc.. Tra i due estremi: terreni sabbiosi (con minime tracce di argilla) e terreni argillosi tipici (dove una quantità esagerata di argilla e minima di sabbia rende quasi impossibili le coltivazioni) abbiamo termini intermedi di terreni in cui troviamo l’argilla in quantità scarsa oppure un po’ troppo abbondante, e finalmente l’ottimo quando sabbia e argilla sono mescolate in modo da formare il terreno cosiddetto « di medio impasto ».

IL TERRENO DA ORTO

Quest’ultimo tipo di terreno sarebbe l’ideale per l’impianto di un orto perché facilmente lavorabile per il contenuto in sabbia e molto fertile per il contenuto in argilla. La sabbia lascia circolare l’acqua nel terreno mentre l’argilla ne impedisce il disseccamento troppo accentuato. Naturalmente non dovrebbe mancare la materia organica o humus che rende la terra più fertile e capace di assorbire calore.

La terra dovrebbe essere piuttosto profonda in modo che le radici delle piante avessero agio di svilupparsi liberamente e terminare non sulla roccia che potrebbe far ristagnare l’acqua ma con uno strato di ghiaia che facesse da fognatura naturale.

IL NOSTRO TERRENO

Come si può ridurre il terreno che abbiamo a disposizione più simile possibile al tipo ottimo che abbiamo or ora considerato? Agiremo diversamente a seconda della sua natura:

a) Terreno argilloso
Se ci troveremo di fronte ad un terreno argilloso dovremo lavorarlo ripetutamente per favorire lo smaltimento delle acque, renderlo meno compatto con 10-20 gl. ad ettaro di gesso agricolo o calce ogni 4 anni, che si interra con una aratura superficiale prima dell’inverno. In primavera si seminerà una cultura cerealicola. Al momento della lavorazione delle stoppie si interra da 500 a 600 ql. ad ettaro di letame naturale mescolati con 10 ql. ad ettaro di fosforite macinata. Dopo qualche anno di questo trattamento il terreno potrà essere adibito a coltura ortiva.

b) Terreno sabbioso
Quando il terreno è sabbioso, si abbondi in concimazioni a base di concimi organici (letame, sovesci) e chimici. Se è possibile si irrighi con acque torbide che contengano in sospensione argilla o calcare e vi si sparga calce.

c) Terreni calcarei
Quando un terreno contiene calcare in quantità troppo grande si corregge con concimazioni organiche, sovesci, acque torbide contenenti sabbie e argilla.

d) Terreni salati
Se il terreno è salso si fanno affossature che favoriscono lo scolo dell’acque piovane e di irrigazione in modo che possano portar via il sale dal terreno. Si concima con solfato di calcio.

e) Terreni umiferi
Spesso i terreni umiferi, convenientemente analizzati e studiati, risultano avere reazione acida e allora, come tutti i terreni che hanno tale reazione, bisogna cercare di correggerli con calce e spandervi scorie Thomas, fosfammonio o fosfammonio potassico (invece dei perfosfati) e letame.
Se poi il terreno difetta di un substrato ghiaioso naturale o comunque ne sia reso difficile lo smaltimento delle acque bisogna ricorrere o alle affossature, che saranno tanto più profonde e capaci quanto più il terreno sarà compatto, o ad appositi canali di drenaggio.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Orto in vaso: coltivare la lattuga Batavia o Canasta
    Coltivare in vaso la lattuga Batavia, meglio conosciuta come Canasta, non è difficile e richiede solo un piccolo impegno per ottenere la vostra verdura fresca e biologica. La lattuga Canasta è molto croccante e poco amara, ideale per insalate. Riesce a crescere rigogliosa anche in vaso in una posizione luminosa e anche a diretto contatto
  • Cosa sono i nucleotidi del Dna?
    Sono alla base della struttura del DNA e sono stati studiati negli ultimi duecento anni. Un nucleotide e’ formato da uno zucchero pentoso, il ribosio (nell’RNA) o il deossiribosio (nel DNA), da un gruppo fosfato e da una base azotata. I nucleotidi sono quattro a secondo della base azotata che si lega allo zucchero pentoso.
  • Palermo: Chiusura per lavori dell’Orto Botanico.
    Chiusura temporanea al pubblico dei cancelli di via Lincoln dell’ Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo, decisa dalla direzione del SiMuA, Sistema Museale di Ateneo dell’ Università, per motivi di sicurezza, a partire da lunedì 18 e sino al 22 marzo, con riapertura già pianificata per il 23. Si tratta di una settimana lavorativa,
  • Nicosia: Festa di primavera, tra Camelie, storia e sogni
    Una festa dedicata alle camelie, alle storie e ai sogni legati al convento, a Nicosia, al territorio, alle relazioni, alla comunità. Una festa che apre i battenti sabato 16 marzo alle ore 18.00 a Nicosia, nella Chiesa di sant’Agostino, con un concerto e l’inaugurazione della mostra “L’uomo che sognava i leoni. La storia del pittore
  • Introduzione di insetti esotici e danni agli agrumi.
    Gli insetti sono gli organismi che con più facilità riescono a viaggiare tra continenti all’interno delle merci. L’Italia si trova in una posizione geografica centrale ed è un crocevia per il traffico di merci, inoltre ha un ampio range di microclimi che permette agli insetti alieni di ambientarsi facilmente e riprodursi con facilità. Nel nostro
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.