Araujia serecifera, il fiore crudele

Dai fusti si ottiene una fibra robusta. Oltre che decorativa la pianta è una risorsa alimentare per insetti, anche se è conosciuta come fiore crudele, per via di particolari aperture a forma di cuneo presenti sui petali che possono fungere da trappola per l’impollinatore fino al mattino successivo (organi riproduttivi maschili e femminili che matura in momenti diversi!) la sua riapertura, possono anche occasionalmente intrappolare la proboscide degli insetti portandoli alla morte.

I frutti maturi simili esternamente al chayote (Sechium edule) contengono numerosi semi scuri attaccati a delle setole setose, da cui l’epiteto specifico!.

Giuseppe De Palma









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.