Ariocarpus Kotschoubeyanus, quella volta che fu pagata più dell’oro

La pianta fu raccolta per la prima volta ed inviata in Europa dal botanico tedesco Wilhelm Karwinsky Von Karvin nel 1840, e viene riferito che fu pagata 200 dollari dell’epoca, e dato che il peso medio della pianta è di circa 250 grammi, il prezzo fu maggiore del suo peso in oro!

La radice è molto grossa e carnosa, cilindrica, sproporzionata la fusto, che ha una altezza di soli 5 cm e in natura è seminterrato, con la parte apicale quasi a livello del terreno.

In pratica esso è formato da tubercoli triangolari, verde-grigiastri, feltrosi alla base e con la parte superiore più o meno piatta percorsa da un solco mediano molto lanoso; sono posti a spirale e strettamente embricati, con una larghezza di base e uno spessore di meno di un centimetro, e sono fortemente rigidi, con epidermide quasi cornea.

I fiori nascono al centro dall’ascella dei tubercoli più giovani, circondati da un ciuffo di peli, e hanno circa tre centimetri di diametro; i segmenti esterni del perianzio sono pochi e brunastri, quelli interni sono rosa o rosso carminio. Le vecchie piante possono accestire.

Sono di crescita lentissima, richiede molto sole e spazio per le radici. Tollera un certo freddo se asciutto, ma un lieve calore è preferibile. Può essere propagato da polloni di vecchie piante.

Foto dal web





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.