Come coltivare il Pak choi (cavolo cinese)

Il Cavolo cinese ( Pak Choi) è un super food per le sue caratteristiche organiche. Oltretutto è facile da coltivare sia in vaso che nei nostri orti. Assomiglia molto al nostro cavolo e si può coltivare nei periodi meno aridi e meno freddi. In Sicilia diciamo che si può coltivare tutto l’anno ad esclusione di luglio e agosto.

Si possono comprare le buste di semi ed in questo caso bisogna organizzare un semenzaio piano oppure utilizzare, ad esempio, i bicchieri di carta o qualcosa di simile. Riempite il semenzaio con del terriccio adatto alla coltivazione da orto e dopo aver fatto un buco sulla terra mettete due o tre semi di cavolo cinese. Si possono anche trovare le piantine nei diversi vivai ed, in questo caso, risparmierete circa 40 giorni di tempo.

Tenete sempre umido il terriccio e dopo circa 15 giorni dovrebbero germogliare. Dopo circa 40 giorni la pianta è pronta per il travaso.





Potete utilizzare vasi da 40 cm di lunghezza ed inserire due piante. Oppure preparare una striscia nel vostro orto che avevate preparato con una concimazione di fondo basata su stallatico o altro concime biologico. Le piante vanno tenute a 30 cm di distanza le une dalle altre.

Hanno bisogno di essere sempre tenuti con una certa umidità nel terreno e concimate spesso con un concime liquido, sempre biologico. Ogni 15 giorni dovete dare del concime.

Quando le temperature sono alte la pianta tende a fiorire e non è più commestibile (diventa dura). Quando è in tenera età diventa preda di insetti ed uccelli. In molti casi conviene utilizzare una rete per evitare che gli uccelli la divorino. Se venisse attaccati da bruchi consigliamo di toglierli a mano o utilizzare insetticidi biologici. Rimane comunque una pianta facile da coltivare e dai risultati sorprendenti.

In cucina si può utilizzare fresco nelle insalate o lessando le foglie. Molto amato dai vegani per il suo sapore e per l’apporto di tantissime vitamine come la A, C e K oltre a tanti sali minerali.

Foto dal web









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.