La fusaggine o fusaria, Euonymus europaeus, la pianta dai mille usi

Il nome del genere Euonymus deriva dal greco “eu/ev”, bene, buono e “ònoma”, nome, quindi “buon nome” o “ben nominato”, assumendo significato scaramantico con allusione alla velenosità di queste piante.

Le divinità vendicatrici, rispettate e temute dai Greci, venivano appellate come “il popolo cortese”, mentre la loro madre era chiamata “Evonima”, ovvero “colei il cui nome è buono”.

Le Fusaggini sono piante molto gradevoli e ornamentali, i suoi semi attirano i pettirossi, ma nascondono una velenosità piuttosto elevata. Tutte le sue parti infatti sono tossiche, persino la segatura provocava malesseri nei tornitori che ne lavoravano il legno.

Corteccia, frutti e semi contengono acido evonico, asparagina, resine, tannini, oltre che il glucoside evonimina. I frutti, ridotti in polvere o in decotto, trovano impiego nel combattere i parassiti cutanei come pidocchi o acari della scabbia.

Il legno è omogeneo, elastico, compatto e leggero e trova diversi impieghi nella costruzione di piccole botti, di archetti per viole e violini e strumenti musicali in genere, di mobili intarsiati, di cannelli per pipe e di fusi per filare, utilizzo per il quale vengono attribuiti a questa pianta i nomi volgari di “Fusaria” e “Fusaggine”.

La pianta veniva utilizzata per la fabbricazione di stuzzicadenti, mentre fino al Medioevo, veniva impiegata per realizzare archi. Inoltre, con i rami più giovani, si realizzavo carboncini a uso dei pittori. Il carbone ricavato dalla pianta era impiegato come componente della polvere da sparo.

La polvere ottenuta dai semi veniva impiegata come insetticida ed antiparassitario.

Dal legno carbonizzato della fusaggine si ottiene il carboncino da disegno.

Giuseppe De Palma

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • La Monstera, la pianta “mostruosa” che rende verde la casa
    La Monstera Deliciosa è una pianta molto appariscente. Le sue foglie sono enormi e possono raggiungere il metro di lunghezza e i 60 centimetri di larghezza nel suo habitat naturale. Il colore verde intenso, lucido, delle foglie e le dimensioni extra large sono indicate per ambienti molto luminosi e grandi. Avendo lo spazio sufficiente a
  • L’albero più grande d’Europa: Il Ficus macrophylla subsp. columnaris di Piazza Marina a Palermo
    Nel 1863, l’architetto Filippo Basile progettò e costruì sul piano della Marina di Palermo (oggi Piazza Marina) il Giardino Garibaldi, tipico esempio di Giardino all’Inglese. Il giardino all’Inglese di distingue e per certi versi si contrappone al Giardino all’Italiana per i suoi spazi che seguono linee e forme “libere”, più vicine ai profili dei paesaggi
  • Chimica: i tipi di materia, sostanze pure e miscele
    La materia è qualsiasi cosa occupi uno spazio e abbia una massa. Comprendere i termini per la sua classificazione ci è utile per capire di cosa parliamo. La materia esiste in tre stati: solido, liquido e gassoso. La materia può essere classificata in due categorie: Le sostanze pure possono essere elementi o composti, mentre le
  • DIPLOMATI I PRIMI 38 TECNICI SUPERIORI NEL SETTORE AGROALIMENTARE IN SICILIA ALL’ITS SICANI DI BIVONA (AG)
    A Bivona (AG), conclusi con l’Esame di Stato finale per 38 studenti, i primi due percorsi biennali a numero chiuso sull’asse Agroalimentare – Made in Italy della Fondazione ITS Sicani: “Tecnico superiore della filiera del grano duro”, finalizzato alla specializzazione nel settore della cerealicoltura, e “Tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing
  • Asphodelus macrocarpus – Asfodelo: è una specie commestibile ed officinale.
    Gli asfodeli sono stati utilizzati soprattutto durante le carestie. I loro germogli venivano consumati fritti o bolliti, anche le radici venivano bollite o cotte sotto la cenere, o, ridotte in farina per la panificazione, a volte mescolate con granaglie o patate. Anche i semi venivano utilizzati, come condimento o grigliati. In Egitto e nelle Isole
  • L’isola di Pantelleria un mondo Archeologico e Paesaggistico da scoprire e da visitare.
    Il villaggio capannicolo con la vicina necropoli dei Sesi, costruzioni megalitiche funerarie di forma irregolarmente conica, costituisce una testimonianza importante per la vita delle genti dell’antico Bronzo che viveva di risorse agro-pastorali e di pesca. L’isola è stata un ponte tra la Sicilia e l’Africa ed i suoi rapporti con il mondo egeo è documentato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.