Eco Turismo

I TULIPANI DI MADONNA DELL’OLIO: LA NATURA SI VESTE DI ROSSO

Sul versante meridionale delle Madonie è situato Blufi, un piccolo centro che ogni anno si rende protagonista di un evento naturale e spontaneo davvero affascinante: la fioritura dei Tulipani di Madonna dell’Olio. La magia avviene un piccolo fazzoletto di terra appartenente alla Diocesi di Cefalù ma che da diversi anni è stato preso in affitto e gestito da un’azienda agricola a conduzione familiare; i promotori, nello specifico, sono Fabrizio e Ilenia.

La peculiarità del luogo è dovuta alla fioritura spontanea dei tulipani, che cade a ridosso della primavera, intorno a metà marzo e inizio aprile, con il massimo rigoglio che si protrae per circa due settimane. Questa specie di tulipani è definita tulipano precoce (Tulipa Raddii),
caratterizzata da una sbocciatura anticipata rispetto a quella del comune tulipano in commercio: per tali motivi non è possibile stimare con precisione ogni singola fioritura poiché, trattandosi di un tulipano non trattato e spontaneo, esso subisce l’influenza delle condizioni climatiche.

Ma come sia arrivato fin qui questo fiore così elegante e pieno di colore, che ogni anno incanta i visitatori, non è del tutto certo: le ipotesi più accreditate fanno risalire la diffusione dei tulipani nel campo antistante il Santuario della Madonna dell’Olio al periodo della presenza dei Saraceni in Sicilia o addirittura a quello delle Crociate, quando alcuni cavalieri di Malta, di ritorno dalla Terra Santa, si fermarono in questa zona, diffondendo probabilmente i preziosi bulbi.

Nel tempo, trattandosi di un campo seminativo (coltivato a rotazione Grano-foraggio), i processi di aratura sempre più all’avanguardia hanno permesso la diffusione involontaria dei bulbi in tutto il terreno, favorendone la proliferazione di anno in anno;

i tulipani infatti non risentono degli interventi umani, poiché i bulbi si trovano a circa 50 cm di profondità, ma anzi sono proprio le operazioni meccaniche svolte periodicamente nel campo a far si che il bulbo possa riprodursi.

Un’esplosione di colore che si staglia sul verde inconfondibile dei campi madoniti e che quest’anno potrebbe arricchirsi di nuove tonalità: i gestori del campo hanno seminato in un piccolo pezzetto di terreno dove non sono presenti i tulipani rossi, altri bulbi (provenienti dall’Olanda) che essendo sterili non prolifereranno, senza andare ad intaccare dunque i già presenti tulipani.
Si tratta di un esperimento dall’esito non ancora prevedibile; di certo è che la mission dei gestori del campo ha come obiettivo primario la tutela dei tulipani e dello spettacolo che ogni anno la natura ci regala.

Il luogo è di una bellezza disarmante ma negli scorsi anni ha dovuto fare i conti con l’inciviltà dei visitatori che invadevano il campo strappando i fiori senza ritegno; così, in accordo con la Diocesi di Cefalù, i gestori hanno provveduto a recintare il campo per meglio gestire le visite attraverso dei percorsi specifici. Giovani e con la voglia di fare e di promuovere il bello, lo scorso anno i gestori Fabrizio e Ilenia, hanno indetto sui social il primo contest fotografico dedicato ai tulipani e quest’anno, visto il successo, si dicono certi di replicare l’evento.

E come ogni luogo intriso di bellezza e fascino anche il campo di tulipani di Blufi è rivestito da un alone di leggenda: si narra di una coppia di giovani sposi che si recò al Santuario della Madonna dell’Olio per chiedere una grazia affinchè potessero generare un figlio, ponendo sull’altare dei tulipani bianchi in omaggio alla Vergine.

Dopo qualche mese la coppia era in dolce attesa e diede alla luce due gemelli. Grati alla Madonna per il miracolo compiuto, la famiglia si recò al Santuario a rendere grazie per la gioia ricevuta, ma il luogo era chiuso; voltandosi però furono catturati da una distesa fiammeggiante di bellissimi tulipani, che avevano riempito il campo antistante il sagrato.

Tra leggende e realtà quel che è certo è che la natura sa essere generosa regalandoci bellezza e poesia; vi basterà recarvi al campo di Tulipani di Madonna dell’Olio per essere colpiti dalle tonalità di colore che si alternano ai vostri occhi, dall’azzurro del cielo, al verde dell’erba fino al rosso dei bellissimi ed eleganti tulipani.

Articolo e foto di: Teresa Molinaro
https://www.teresamolinaro.it

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.