Eco Turismo

Il Parco D’Orleans di Palermo con le sue piante e gli uccelli protetti

Questo bellissimo parco si trova nel retro del Palazzo che, oggi, ospita gli uffici di Presidenza della Regione Sicilia. Il giardino ed il palazzo hanno una lunga storia che parte dall’esilio di Luigi Filippo D’Orleans che dovette abbandonare la Francia per evitare di essere ucciso. Siamo agli inizi del 1800 e Luigi Filippo trovò a Palermo una sistemazione per il suo esilio. Fu ospitato dal proprietario del palazzo, Antonino Oliveri, che lo acquistò dal principe Monroy che lo costruì nel 1775.

Luigi Filippo D’Orleans a Palermo trovò moglie. Era la principessa Maria Amelia, figlia di Ferdinando I Re delle Due Sicilie. Rimase in Sicilia dal 1808 al 1814 e si prese cura del palazzo che il Re Ferdinando volle comprare per la giovane coppia. Un piccolo regalo di dote per rendere agevole la vita della giovane coppia. Ecco perchè ai nostri giorni lo abbiamo chiamato Palazzo D’Orleans. Luigi Filippo chiamò un giovane agronomo per progettare il grande parco della tenuta. Si trattava di Vincenzo Tineo che curò la realizzazione del giardino all’inglese e scelse le piante del parco.

Tineo portò molte piante dal mondo per abbellire il parco e si arrivò a quasi settemila piante ornamentali. D’Orleans, però, ritornò in Francia dove diventò Re ed il parco rimase per alcuni decenni abbandonato. Si deve aspettare la metà del secolo per il recupero del giardino a cura del figlio Enrico Eugenio D’Orleans che lo ricevette in eredità dalla madre Amalia. Enrico Eugenio ridisegna il giardino con siepi regolari e geometriche a formare un Parterre e lo delimita con una bella cancellata. I D’Orleans rimasero proprietari del palazzo e del parco fino alla metà del novecento, ma durante la seconda guerra mondiale il palazzo fu requisito dall’esercito per farne un quartier generale.

Finita la guerra la parte alta del parco fu venduta all’Università di Palermo e nacquero le facoltà di Agrarie e altri istituti, mentre il palazzo fu acquistano dalla Regione per farne uffici di Presidenza. Il parco che rimase era esteso circa tre ettari.

I giardini vengono aperti al pubblico nel 1955 e dal 2017 all’agosto del 2021 rimangono chiusi per lavori di sistemazione. Il parco ha una flora ricca di piante mediterranee e molte provenienti da altri continenti. Siamo lontani però dal prestigio del parco di inizio 800 e molte piante andarono perse durante l’abbandono a seguito della partenza di Luigi D’Orleans.

Il parco è, invece, stato conosciuto in tutto il mondo per essere diventato un parco ornitologico grazie al grande lavoro di Salvatore Lauricella. Il parco ornitologico ricco di fauna proveniente da tutto il mondo divenne punto di riferimento per gli appassionati europei. Un contenzioso tra Lauricella e la Regione Siciliana guidata dal Presidente Crocetta, portò al trasferimento degli uccelli del parco in altre città italiane ed europee. Oggi il parco ospita molti uccelli provenienti da sequestri o recuperati feriti in Sicilia a cura della LIPU. Il parco è stato affidato all’Istituto Regionale sperimentale zootecnico con una convenzione ed è in corso un programma di ripopolamento di alcune specie che nella regione appaiono a rischio di estinzione.

L’ingresso al parco è gratuito e sono molte le scolaresche che fanno visita al parco per visitare gli uccelli e passare una giornata immersi nel verde.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Cosa sono i nucleotidi del Dna?
    Sono alla base della struttura del DNA e sono stati studiati negli ultimi duecento anni. Un nucleotide e’ formato da uno zucchero pentoso, il ribosio (nell’RNA) o il deossiribosio (nel DNA), da un gruppo fosfato e da una base azotata. I nucleotidi sono quattro a secondo della base azotata che si lega allo zucchero pentoso.
  • Palermo: Chiusura per lavori dell’Orto Botanico.
    Chiusura temporanea al pubblico dei cancelli di via Lincoln dell’ Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo, decisa dalla direzione del SiMuA, Sistema Museale di Ateneo dell’ Università, per motivi di sicurezza, a partire da lunedì 18 e sino al 22 marzo, con riapertura già pianificata per il 23. Si tratta di una settimana lavorativa,
  • Nicosia: Festa di primavera, tra Camelie, storia e sogni
    Una festa dedicata alle camelie, alle storie e ai sogni legati al convento, a Nicosia, al territorio, alle relazioni, alla comunità. Una festa che apre i battenti sabato 16 marzo alle ore 18.00 a Nicosia, nella Chiesa di sant’Agostino, con un concerto e l’inaugurazione della mostra “L’uomo che sognava i leoni. La storia del pittore
  • Introduzione di insetti esotici e danni agli agrumi.
    Gli insetti sono gli organismi che con più facilità riescono a viaggiare tra continenti all’interno delle merci. L’Italia si trova in una posizione geografica centrale ed è un crocevia per il traffico di merci, inoltre ha un ampio range di microclimi che permette agli insetti alieni di ambientarsi facilmente e riprodursi con facilità. Nel nostro
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere
  • Lavori mese per mese: Gennaio
    Il mese di gennaio è un mese di particolare riposo per tutti. Sia per le piante e sia per i coltivatori. Vediamo i vari lavori che si possono comunque fare nelle diverse situazioni di coltivazione. In casa Eliminare le foglie ingiallite e cecare di individuare la causa dell’inconveniente. Potrebbe trattarsi di una mancata irrigazione. Dedicare




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.