La cenere dell’Etna non è un rifiuto, ma una risorsa per il compostaggio e le piante

Il grande vulcano siciliano è in piena attività ed ha lanciato nel cielo colonne di cenere lunghe chilometri. La nuvola viaggia e le ceneri si depositano sui balconi e sulle terrazze di mezza Sicilia.

Per molte persone la cenere vulcanica è un rifiuto che deve essere spazzato, raccolto e gettato nella MUNNIZZA. Niente di più snbagliato. Invece è una risorsa e non deve essere gestito come un rifiuto.

Ovviamente va spazzato e raccolto, ma non buttato. Va utilizzato mescolandolo al terriccio universale oppure gettato nella compostiera domestica ed , in questo caso, saranno i microrganismi a mescolarlo per bene e trasformarlo in ottimo humus.





Anche la semplice dispersione nel terreno e nel vaso è utile alle nostre piante o giardino.

Invece, nei comuni della provincia di Catania o, quando l’attività eruttiva è forte, nelle provincie vicine o addirittura in Calabria la preziosa cenere vulcanica è considerata un rifiuto. Uno spreco che basta davvero poco per eliminare senza costi per la collettività e rispettando l’ambiente.

Buona Coltivazione

Foto di Cesare Eugenio T. prese dal web









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.