Frutteto & Ortaggi

Le noci dell’Etna: frutto dal gusto unico.

Gli alberi di noci sono veramente imponenti. Occorrono molti anni affinché un albero di noci produca i suoi frutti. La bellezza dell’albero, la sua chioma, il colore verde chiaro delle foglie e la maestosità dell’Etna che fa da cornice e da terra ricca di minerali rendono le noci davvero uniche e molto apprezzate in Italia e nel mondo.

In un paese tra Catania e Messina, Motta Camastra, se ne coltivano di tre qualità ed ogni anni tra fine Settembre ed inizio Ottobre, organizzano una sagra per esaltarne le proprietà e assaggiare questo particolare frutto cresciuto nella terra vulcanica. Inoltre questo paese è veramente molto bello e con la scusa delle noci è possibile visitarlo nel modo migliore.

Dicevamo delle noci: a Motta Camastra se ne producono di tre varietà: la Panuzzara, la Pacenzia e la Currò.

La prima, ovvero le noci giganti, si chiama Panuzzara, il nome siciliano che richiama alla pagnotta. Quando ancora la noce ha il mallo, la sua dimensione è infatti notevole.

La seconda varietà è la Pacenzia, il cui nome sembra derivi dalla pazienza che ci vuole per raccogliere dall’albero questo frutto.

Infine c’è la Currò, il cui nome, come avviene per il cachi del farmacista di Misilmeri, deriva dalla persona che ha prodotto la cultivar.

Le ultime due noci di Motta Camastra elencate sono comunque più piccole rispetto alla Panuzzara.

La coltivazione della noce sull’Etna avviene senza utilizzare pesticidi o altri prodotti di sintesi. Non sono necessari assolutamente e serve solo la potatura per dare forma all’albero e farlo produrre di più. Abbiamo, ad esempio, un albero di noci che si trova a 1200 metri di altitudine e produce noci favolose, oltre ad essere centenario di età.

Le noci dell’Etna sono ricchi di oli essenziali che fanno bene al nostro organismo. Non a caso la noce è definita il frutto della giovinezza.

Foto dai social

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Invasioni botaniche a Cremona. Strade piene di fiori e non solo
    Cremona sarà invasa. Una invasione periodica di piante e fiori che coloreranno alcune sue strade e piazze. L’appuntamento autunnale o, meglio di fine estate, è per il prossimo 16 e 17 settembre tra Corso Garibaldi, Corso Campi e i Giardini di Piazza Roma. In queste strade potrete passeggiare tra migliaia di piante di tante varietà, … Leggi tutto
  • Centaurea cyanus, la pianta che salvò Chirone il centauro
    Il nome Centaurea, assegnato inizialmente da Linneo, prende il nome da Chirone, un centauro, che rimase ferito al piede da una freccia avvelenata e si curò con il succo tratto da questo fiore. Esiste una legenda, più storica che mitologica, riguardante il fiore di fiordaliso ed è legata allo stemma araldico del regno di Guglielmo … Leggi tutto
  • A Bologna la Festa del Cactus con centinaia di espositori.
    Un trionfo di piante grasse e non solo. Un mondo di piante e di tutti i prodotti che ruotano attorno ai cactus e alle succulente. La Festa del Cactus a Bologna è l’incontro tra molti espositori provenienti da tutta Italia, ma anche da molti paesi europei. Saranno migliaia le varietà presentate sui banchi e moltissime … Leggi tutto
  • Prima di raccogliere le more, conoscete la leggenda?
    Quando si fa una passeggiata in campagna non è difficile vedere le more. Gli agricoltori sanno bene a loro spese che questa pianta è molto infestante e fastidiosa. Se prende campo difficilmente si riesce ad estirparla. Resiste tranquillamente agli incendi e agli erbicidi. Però le more quando maturano diventano una delizia e ricadono nel gruppo … Leggi tutto
  • Settembre è il mese della raccolta in Sicilia della Carruba
    In Sicilia a settembre si raccolgono le carrube. Quando ero piccolo mio padre ne aveva qualche albero in campagna e quando le raccoglieva, abbondanti, le tostava per mangiarle in inverno. Si prendeva una carruba nelle fredde serate di inverno e si masticava come un bastoncino di liquirizia, lasciando solo i semi e le parti davvero … Leggi tutto
  • Rispettare il riposo vegetativo delle piante
    Nel nostro clima temperato, ogni pianta (ovviamente non annuale, che muore) entro l’arco di un anno intero, ha un periodo di attività vegetativa ridotta, cioè va in riposo. Nel periodo di attività, la pianta cresce, fiorisce e fruttifica. In quella di riposo invece, ha una stasi – conosciuta appunto con il termine di riposo – … Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.