Le noci dell’Etna: frutto dal gusto unico.

Gli alberi di noci sono veramente imponenti. Occorrono molti anni affinché un albero di noci produca i suoi frutti. La bellezza dell’albero, la sua chioma, il colore verde chiaro delle foglie e la maestosità dell’Etna che fa da cornice e da terra ricca di minerali rendono le noci davvero uniche e molto apprezzate in Italia e nel mondo.

In un paese tra Catania e Messina, Motta Camastra, se ne coltivano di tre qualità ed ogni anni tra fine Settembre ed inizio Ottobre, organizzano una sagra per esaltarne le proprietà e assaggiare questo particolare frutto cresciuto nella terra vulcanica. Inoltre questo paese è veramente molto bello e con la scusa delle noci è possibile visitarlo nel modo migliore.

Dicevamo delle noci: a Motta Camastra se ne producono di tre varietà: la Panuzzara, la Pacenzia e la Currò.





La prima, ovvero le noci giganti, si chiama Panuzzara, il nome siciliano che richiama alla pagnotta. Quando ancora la noce ha il mallo, la sua dimensione è infatti notevole.

La seconda varietà è la Pacenzia, il cui nome sembra derivi dalla pazienza che ci vuole per raccogliere dall’albero questo frutto.

Infine c’è la Currò, il cui nome, come avviene per il cachi del farmacista di Misilmeri, deriva dalla persona che ha prodotto la cultivar.

Le ultime due noci di Motta Camastra elencate sono comunque più piccole rispetto alla Panuzzara.

La coltivazione della noce sull’Etna avviene senza utilizzare pesticidi o altri prodotti di sintesi. Non sono necessari assolutamente e serve solo la potatura per dare forma all’albero e farlo produrre di più. Abbiamo, ad esempio, un albero di noci che si trova a 1200 metri di altitudine e produce noci favolose, oltre ad essere centenario di età.

Le noci dell’Etna sono ricchi di oli essenziali che fanno bene al nostro organismo. Non a caso la noce è definita il frutto della giovinezza.

Foto dai social

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Il Parco Faunistico del Monte Amiata in Toscana
    Scarpe comode per chi decide di avventurarsi nel Parco Faunistico del Monte Amiata, Le visita, infatti, si effettuano esclusivamente a piedi tutti i giorni dall’alba al tramonto con l’obbligo di seguire i sentieri e di sostare nei punti attrezzati. Frutto di un programma di riqualificazione, il parco, sul versante nord-est del Monte Labbro, si ispira
  • Cipressi: rivalutarli per il giardino
    Conosciamo i cipressi perchè spesso li vediamo nei cimiteri e abbiamo, quindi, associato a questa pianta il luogo di riposo eterno. Sono, invece, piante vitali, odorose, frangivento. In una parola: belle. Protagonista di una delle più belle poesie di Giosuè Carducci, “Davanti a San Guido”, il cipresso è un albero tanto tipico della nostra penisola
  • Parco Naturale dell’Isonzo in Friuli Venezia Giulia
    A far parte del parco è il tratto italiano dell’Isonzo. Nel parco si incontrano, altri ad ambienti di velma (zone che emergono con la bassa marea), le barene (isolotti emergenti) ricoperte da una ricca vegetazione resistente alla salinità. Nella zona del Ripristino, attualmente sono stati attrezzati punti di osservazione che consentono di ammirare da vicino,
  • 55^ Campionaria d’autunno, torna a Vittoria l’atteso evento fieristico d’autunno
    Sarà inaugurata sabato 5 novembre alle ore 16.00 la 55^ edizione della Fiera Campionaria d’autunno, in programma al Polo Fieristico di Vittoria dal 5 al 13 novembre 2022. Un’edizione che sul solco della tradizione punta a guardare con fiducia al futuro consapevole delle difficoltà in cui si ritrovano ad operare la maggior parte delle imprese e delle nuove
  • La sfida del “Frantoio del Cavaliere”: nessun aumento. Si lavora come lo scorso anno
    Siamo in piena campagna olivicola ed il terrore che gli aumenti del costo dell’energia elettrica potesse rendere troppo oneroso il costo del frantoio, almeno a Bagheria è stato scongiurato dal coraggio dei conduttori degli impianti. Almeno inizialmente. Ne abbiamo parlato in generale con Pasquale Sciortino del “Frantoio del Cavaliere”. Facciamo il punto sulla stagione delle
  • Il parco regionale dei Colli Euganei
    Per 15.000 ettari, interessando ben quindici comuni, il parco comprende i maggiori rilievi collinari della Pianura Padana a sud-ovest di Padova: i colli Euganei. In quest’area, fertile e riparata, numerose ville, abbazie e case rurali hanno trovato in passato il luogo ideale, mostrando al visitatore un esempio di felice integrazione tra natura e attività dell’uomo.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.