Piante & Fiori

L’Azalea, il fiore che ti ammalia.

L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa.

E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere Rhododendron, mentre i giardinieri amano considerarlo un genere a se stante. Le foglioline sono oblunghe di un colore verde scuro brillante , fiori di vari colori che spuntano da marzo a maggio, secondo la varietà. In determinate condizioni ambientali fiorisce a gennaio febbraio. In questo caso e’ necessario concedere più ore di luce.

Non ha un vero e proprio periodo di riposo, a secondo della varietà e delle condizioni possiamo dire che nei mesi invernali va in riposo vegetativo per un breve periodo. Si usa molto nei balconi e nelle terrazze in vasi di modeste dimensioni. L’esposizione al sole deve essere piena nel periodo invernale, mentre def essere in ombra nei mesi più caldi. Deve essere riparata quando le temperature sono troppo basse. Non ama gli ambienti con area estremamente secca.

Il terriccio di coltura dee essere molto acido e abbastanza ricco di azoto. Quindi se utilizziamo un terriccio universale va arricchito di sostanza organica e di fertilizzante come lupini e cornunghia torrefatta. La concimazione è comunque estremamente importante e va eseguita ogni settimana con un concime a basso tenore come il sangue di bue secco o concimi liquidi per piante verdi.

Le innaffiature devono essere frequenti e con acqua con poco calcare. Viene indicata l’acqua piovana come la migliore. Inoltre conviene sempre bagnare la terra per immersione in modo da idratare molto il terriccio senza provocare ristagni. L’azalea ama sempre un minimo di umidità nel terreno.

La riproduzione delle azalee e’ eseguita per talea di rametto che crescono sotto le infiorescenze. Questi rametti vanno tagliati e posti in terra sempre umida e coperta da un telo per fare un effetto serra. Molti rametti emetteranno facilmente le radici. Potete aiutarvi con un ormone radiante che aumentare la percentuale di successo.

Quando i fiori spariscono vanno rimossi per agevolare la crescita dei nuovi rami dalle gemme poste sotto i fiori. Si garantirà alla pianta nuove fioriture.

Buona coltivazione.

Foto dai social

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.