Piante & Fiori

L’Azalea, il fiore che ti ammalia.

L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa.

E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere Rhododendron, mentre i giardinieri amano considerarlo un genere a se stante. Le foglioline sono oblunghe di un colore verde scuro brillante , fiori di vari colori che spuntano da marzo a maggio, secondo la varietà. In determinate condizioni ambientali fiorisce a gennaio febbraio. In questo caso e’ necessario concedere più ore di luce.

Non ha un vero e proprio periodo di riposo, a secondo della varietà e delle condizioni possiamo dire che nei mesi invernali va in riposo vegetativo per un breve periodo. Si usa molto nei balconi e nelle terrazze in vasi di modeste dimensioni. L’esposizione al sole deve essere piena nel periodo invernale, mentre def essere in ombra nei mesi più caldi. Deve essere riparata quando le temperature sono troppo basse. Non ama gli ambienti con area estremamente secca.

Il terriccio di coltura dee essere molto acido e abbastanza ricco di azoto. Quindi se utilizziamo un terriccio universale va arricchito di sostanza organica e di fertilizzante come lupini e cornunghia torrefatta. La concimazione è comunque estremamente importante e va eseguita ogni settimana con un concime a basso tenore come il sangue di bue secco o concimi liquidi per piante verdi.

Le innaffiature devono essere frequenti e con acqua con poco calcare. Viene indicata l’acqua piovana come la migliore. Inoltre conviene sempre bagnare la terra per immersione in modo da idratare molto il terriccio senza provocare ristagni. L’azalea ama sempre un minimo di umidità nel terreno.

La riproduzione delle azalee e’ eseguita per talea di rametto che crescono sotto le infiorescenze. Questi rametti vanno tagliati e posti in terra sempre umida e coperta da un telo per fare un effetto serra. Molti rametti emetteranno facilmente le radici. Potete aiutarvi con un ormone radiante che aumentare la percentuale di successo.

Quando i fiori spariscono vanno rimossi per agevolare la crescita dei nuovi rami dalle gemme poste sotto i fiori. Si garantirà alla pianta nuove fioriture.

Buona coltivazione.

Foto dai social

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Bagheria: primo corso gratuito di orticoltura e di autoproduzione alimentare.
    Sabato 25 maggio dalle 9:30 alle 11:30 presso Zooagricola di via Federico II si svolgerà il primo corso gratuito di orticoltura organizzato da natiperterra.it Durante l’incontro, destinato a bambini e adulti si parlerà di coltivare le nostre verdure ortaggi sia in casa che in campo. Per i più piccoli, inoltre, un piccolo laboratorio per seminare
  • Orto in vaso: coltivare la lattuga Batavia o Canasta
    Coltivare in vaso la lattuga Batavia, meglio conosciuta come Canasta, non è difficile e richiede solo un piccolo impegno per ottenere la vostra verdura fresca e biologica. La lattuga Canasta è molto croccante e poco amara, ideale per insalate. Riesce a crescere rigogliosa anche in vaso in una posizione luminosa e anche a diretto contatto
  • Cosa sono i nucleotidi del Dna?
    Sono alla base della struttura del DNA e sono stati studiati negli ultimi duecento anni. Un nucleotide e’ formato da uno zucchero pentoso, il ribosio (nell’RNA) o il deossiribosio (nel DNA), da un gruppo fosfato e da una base azotata. I nucleotidi sono quattro a secondo della base azotata che si lega allo zucchero pentoso.
  • Palermo: Chiusura per lavori dell’Orto Botanico.
    Chiusura temporanea al pubblico dei cancelli di via Lincoln dell’ Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo, decisa dalla direzione del SiMuA, Sistema Museale di Ateneo dell’ Università, per motivi di sicurezza, a partire da lunedì 18 e sino al 22 marzo, con riapertura già pianificata per il 23. Si tratta di una settimana lavorativa,
  • Nicosia: Festa di primavera, tra Camelie, storia e sogni
    Una festa dedicata alle camelie, alle storie e ai sogni legati al convento, a Nicosia, al territorio, alle relazioni, alla comunità. Una festa che apre i battenti sabato 16 marzo alle ore 18.00 a Nicosia, nella Chiesa di sant’Agostino, con un concerto e l’inaugurazione della mostra “L’uomo che sognava i leoni. La storia del pittore
  • Introduzione di insetti esotici e danni agli agrumi.
    Gli insetti sono gli organismi che con più facilità riescono a viaggiare tra continenti all’interno delle merci. L’Italia si trova in una posizione geografica centrale ed è un crocevia per il traffico di merci, inoltre ha un ampio range di microclimi che permette agli insetti alieni di ambientarsi facilmente e riprodursi con facilità. Nel nostro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.