ColtivareFrutteto & Ortaggi

I consigli di Sergio Neri: Signori e signore , sta iniziando febbraio.

In presenza di belle giornate di sole potete anche armarvi di forbici per potare meli, peri, cotogni. Per il momento non toccate le drupacee (peschi, ciliegi, susini, albicocchi) che esigono interventi di potatura con temperature più alte (oltre i 10°) . Al su, se il clima lo consente potate tutto ma attenzione alle minime notturne che non devono avvicinarsi allo zero.

Le rose possono attendere fino a marzo perchè tagliando adesso rischiereste di dover ripassarle tutte il prossimo mese ! Non toccate gli arbusti a fioritura precoce (forsizia, fior di pesco ecc,) per non compromettere la loro fioritura.

Nell’orto lavorate il terreno solamente se si presenta asciutto però si può concimare con stallatico pellettato (in superficie) in attesa di rivoltarlo successivamente durante la vangatura o la zappatura delle aiuole destinate alla coltivazione degli ortaggi. Una cosa da fare è il cospargimento di calciocianamide (1 kg x 10 mq) su superfici umide o bagnate.

Questo ottimo prodotto azotato eliminerà gli insetti che svernano sotto terra, arricchirà il suolo di azoto e calcio. Se avete letame bovino, equino o di volatile e compost maturo fatene uso rispettando i dosaggi indicati sulle confezioni. Letame e compost generalmente si distribuiscono in ragione di 3-5 kg x mq in presenza di terreno fertile mentre su terreni poveri potete e dovete esagerare con le quantità.

Il materiale organico va successivamente rivoltato a 20 cm di profondità durante la vangatura. Se avete rami secchi , recuperati da precedenti potature o caduti da alberi durante periodi di forte vento, vi consiglio di macinarli con il trituratore al fine di utilizzare il materiale ricavato per le pacciamature delle aiuole .

Ci sono tante cosuccie da dire ma per il momento iniziamo da quelle sopra elencate. Buon lavoro a tutti e non fatevi prendere dalla smania di fare tutto solo perchè intravvedete qualche giornata di sole. Orto e frutteto possono ancora attendere.

Sergio Neri

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere
  • Lavori mese per mese: Gennaio
    Il mese di gennaio è un mese di particolare riposo per tutti. Sia per le piante e sia per i coltivatori. Vediamo i vari lavori che si possono comunque fare nelle diverse situazioni di coltivazione. In casa Eliminare le foglie ingiallite e cecare di individuare la causa dell’inconveniente. Potrebbe trattarsi di una mancata irrigazione. Dedicare
  • La begonia, il fiore di casa e giardino
    La begonia viene coltivata per la bellezza delle foglie carnose e variopinte e dei fiori che possono spaziare dal bianco al giallo, per passare al rosso. Appartiene alla famiglia delle Begoniacee e le specie coltivate sono la Grandiflora, multiflora, camellieflora, ecc e molti ibridi commerciali della Begonia tubercolata. E’ una pianta tuberosa, con fusti carnosi
  • Genetica: l’identificazione del DNA come la molecola ereditaria
    Nel corso del tempo gli studiosi avevano identificato i possibili responsabili delle informazioni ereditarie. Da un lato potevano essere le proteine e dall’altro gli acidi nucleici. Nel primo caso gli scienziati avevano venti amminoacidi che potevano trasmettere le informazioni genetiche, dall’altro solo quattro acidi nucleici o basi azotate. Gli esperimenti nel corso di un secolo
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.