in evidenza

Il riso prende strada in Sicilia. A Lentini oltre 150 ettari coltivati.

Per guardare al futuro bisogna girarsi verso il passato. La Sicilia era una buona produttrice di riso e non a caso uno degli alimenti più conosciuti è l’arancina o arancino (a Catania). Moltissime erano le risaie in appezzamenti di terreno che erano paludose di natura. Poi i Savoia ed, infine, il Fascismo hanno messo una pietra sopra questa produzione puntando ad altre colture. I campi furono bonificati e coltivati sopratutto a cereali.

Nel 2006 un gruppo di ricercatori, agricoltori ed esperti hanno riproposto la coltivazione del riso nelle campagne di Lentini. Sei ettari sperimentali in terreni che erano stati predisposti con un livellamento meccanico alla coltivazione del riso senza che ci fosse la necessità di allagare i terreni e renderli paludosi. Un lavoro meccanico costoso che, però, ha portato al vantaggio di utilizzare poca acqua per la coltivazione del riso. Tutto questo grazie alla pendenza ed a un sistema irriguo calibrato a misura.

I terreni poco sfruttati, inoltre, hanno permesso di ottenere la certificazione biologica nella produzione del riso per un mercato sempre più ampio e consapevole. Oggi il riso è coltivato nella Piana di Catania tra Augusta, Lentini, Carlentini, Francofonte, a Ramacca, a Paternò, a Belpasso e lungo il fiume Simeto. E anche nell’Ennese.

Un problema, però, è la lavorazione del riso dopo la raccolta e per renderlo idoneo alla vendita. Si chiama Sbramatura del riso e gli agricoltori siciliani sono costretti a utilizzare degli impianti del Nord Italia con aggravio di costi. Si sta lavorando per un impianto di trattamento del riso a Catania che permetterà di ridurre i costi di produzione.

Si può acquistare on line questo riso da agricoltura biologica del tipo Arborio che si presta per risotti e insalate e che impiega circa 18 minuti per la cottura e si amalgama benissimo con gli altri ingredienti.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o




Un pensiero su “Il riso prende strada in Sicilia. A Lentini oltre 150 ettari coltivati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.