Cipresso sempervirens o italico, quello comune

In Italia è caratteristico, insieme agli ulivi, del nostro paesaggio italico. Proprio per questo motivo è chiamato cipresso italico o comune. E’ un albero molto longevo e, in condizioni ideali, può vivere per millenni e può raggiungere altezze di oltre venti metri con in tronco diritto e colonnare: i rami eretti e molto vicini al tronco , si originano fin dalla base e conferiscono alla chioma la tipica forma a fiamma di candela.

Le foglie e i fiori

Le foglie sono squamose, appiattite e sottili, di colore verde scuro e opaco. I fiori cominciano a maggio all’apice dei rami. Questi sono fiori maschili, di colore giallo. I fiori femminili sono di colore verde chiaro e nell’insieme, ricoprono tutta la pianta. Anche se “INSIGNIFICANTI”, i fiori danno in primavera una nuvoletta giallino all’intera pianta.

I Frutti

Sono ovoidali, da 3 cm di diametro circa, hanno un colore verde lucente nelle prime fasi di sviluppo, in seguito lignificano e diventano grigi bruni.





Anche la corteccia è di colore grigio bruna con lunghe fessure longitudinali. La pianta può essere maschile o femminile: ne esiste una forma selvatica detta Horizontalis ( chiamata impropriamente cipresso femmina o cipressa) in cui i rami si sviluppano quasi ad angolo retto dal tronco e conferiscono alla chioma un aspetto aperto e piuttosto irregolare: caratteristica utile per creare siepi naturali mettendo le piante a distanza di un metro.

Il cipresso maschile (cipressus pyramidalis) ha invece i rami aderenti al tronco, tali da formare una chioma affusolata, ben riconoscibile anche a grande distanza: ideale sia come esemplare isolato sia in gruppo, o in filare con piante distanziate di tre o quattro metri.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Cipresso sempervirens o italico, quello comune
    In Italia è caratteristico, insieme agli ulivi, del nostro paesaggio italico. Proprio per questo motivo è chiamato cipresso italico o comune. E’ un albero molto longevo e, in condizioni ideali, può vivere per millenni e può raggiungere altezze di oltre venti metri con in tronco diritto e colonnare: i rami eretti e molto vicini al
  • Il Parco Faunistico del Monte Amiata in Toscana
    Scarpe comode per chi decide di avventurarsi nel Parco Faunistico del Monte Amiata, Le visita, infatti, si effettuano esclusivamente a piedi tutti i giorni dall’alba al tramonto con l’obbligo di seguire i sentieri e di sostare nei punti attrezzati. Frutto di un programma di riqualificazione, il parco, sul versante nord-est del Monte Labbro, si ispira
  • Cipressi: rivalutarli per il giardino
    Conosciamo i cipressi perchè spesso li vediamo nei cimiteri e abbiamo, quindi, associato a questa pianta il luogo di riposo eterno. Sono, invece, piante vitali, odorose, frangivento. In una parola: belle. Protagonista di una delle più belle poesie di Giosuè Carducci, “Davanti a San Guido”, il cipresso è un albero tanto tipico della nostra penisola
  • Parco Naturale dell’Isonzo in Friuli Venezia Giulia
    A far parte del parco è il tratto italiano dell’Isonzo. Nel parco si incontrano, altri ad ambienti di velma (zone che emergono con la bassa marea), le barene (isolotti emergenti) ricoperte da una ricca vegetazione resistente alla salinità. Nella zona del Ripristino, attualmente sono stati attrezzati punti di osservazione che consentono di ammirare da vicino,
  • 55^ Campionaria d’autunno, torna a Vittoria l’atteso evento fieristico d’autunno
    Sarà inaugurata sabato 5 novembre alle ore 16.00 la 55^ edizione della Fiera Campionaria d’autunno, in programma al Polo Fieristico di Vittoria dal 5 al 13 novembre 2022. Un’edizione che sul solco della tradizione punta a guardare con fiducia al futuro consapevole delle difficoltà in cui si ritrovano ad operare la maggior parte delle imprese e delle nuove
  • La sfida del “Frantoio del Cavaliere”: nessun aumento. Si lavora come lo scorso anno
    Siamo in piena campagna olivicola ed il terrore che gli aumenti del costo dell’energia elettrica potesse rendere troppo oneroso il costo del frantoio, almeno a Bagheria è stato scongiurato dal coraggio dei conduttori degli impianti. Almeno inizialmente. Ne abbiamo parlato in generale con Pasquale Sciortino del “Frantoio del Cavaliere”. Facciamo il punto sulla stagione delle





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.