In Sicilia il ritorno della coltivazione del cotone

La Sicilia oltre al grano, all’uva e tante altre coltivazioni di eccellenza, era una grande terra per la produzione del cotone. Vaste zone tra Ragusa, Siracusa e Trapani erano coltivate a cotone e un grande impianto per la lavorazione tessile era presente a Partanna Mondello.

Tutto questo garantiva reddito fino a quando le fibre sintetiche e la prima fase della globalizzazione non hanno imposto uno stop e la conversione dei terreni per altre colture più redditizie. Oggi si ritorna a coltivare il cotone di alt qualità destinato all’alt moda europea. Circa 100 ettari tra Ragusa e Trapani sono state seminate a cotone e, seppur con la raccolta a mano, sta stando notevoli frutti. Si spera di meccanizzare la raccolta il prossimo anno e di raddoppiare gli ettari coltivati. Si potrebbe giungere alla coltivazione di 500 ettari.

Intanto si sta allestendo a Castel di Tusa una piccola fabbrica per la lavorazione del filato di cotone per completare la fase della commercializzazione verso i stilisti di alta moda.





La Sicilia fin dalla presenza dei Romani era dedita alla coltivazione del cotone e che il clima ne permetteva la crescita e la produzione. Anche oggi questo è possibile come in passate, puntando però ad una varietà di cotone a fibra lunga che tanto piace al mercato di fascia alta e abbatte i costi della filiera cinese che deve fare i conti con il trasporto intercontinentale.

Un articolo sul TGR RAI Sicilia ne parla…

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Il Parco Faunistico del Monte Amiata in Toscana
    Scarpe comode per chi decide di avventurarsi nel Parco Faunistico del Monte Amiata, Le visita, infatti, si effettuano esclusivamente a piedi tutti i giorni dall’alba al tramonto con l’obbligo di seguire i sentieri e di sostare nei punti attrezzati. Frutto di un programma di riqualificazione, il parco, sul versante nord-est del Monte Labbro, si ispira
  • Cipressi: rivalutarli per il giardino
    Conosciamo i cipressi perchè spesso li vediamo nei cimiteri e abbiamo, quindi, associato a questa pianta il luogo di riposo eterno. Sono, invece, piante vitali, odorose, frangivento. In una parola: belle. Protagonista di una delle più belle poesie di Giosuè Carducci, “Davanti a San Guido”, il cipresso è un albero tanto tipico della nostra penisola
  • Parco Naturale dell’Isonzo in Friuli Venezia Giulia
    A far parte del parco è il tratto italiano dell’Isonzo. Nel parco si incontrano, altri ad ambienti di velma (zone che emergono con la bassa marea), le barene (isolotti emergenti) ricoperte da una ricca vegetazione resistente alla salinità. Nella zona del Ripristino, attualmente sono stati attrezzati punti di osservazione che consentono di ammirare da vicino,
  • 55^ Campionaria d’autunno, torna a Vittoria l’atteso evento fieristico d’autunno
    Sarà inaugurata sabato 5 novembre alle ore 16.00 la 55^ edizione della Fiera Campionaria d’autunno, in programma al Polo Fieristico di Vittoria dal 5 al 13 novembre 2022. Un’edizione che sul solco della tradizione punta a guardare con fiducia al futuro consapevole delle difficoltà in cui si ritrovano ad operare la maggior parte delle imprese e delle nuove
  • La sfida del “Frantoio del Cavaliere”: nessun aumento. Si lavora come lo scorso anno
    Siamo in piena campagna olivicola ed il terrore che gli aumenti del costo dell’energia elettrica potesse rendere troppo oneroso il costo del frantoio, almeno a Bagheria è stato scongiurato dal coraggio dei conduttori degli impianti. Almeno inizialmente. Ne abbiamo parlato in generale con Pasquale Sciortino del “Frantoio del Cavaliere”. Facciamo il punto sulla stagione delle
  • Il parco regionale dei Colli Euganei
    Per 15.000 ettari, interessando ben quindici comuni, il parco comprende i maggiori rilievi collinari della Pianura Padana a sud-ovest di Padova: i colli Euganei. In quest’area, fertile e riparata, numerose ville, abbazie e case rurali hanno trovato in passato il luogo ideale, mostrando al visitatore un esempio di felice integrazione tra natura e attività dell’uomo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.