News

Santa Flavia: reflui inquinanti dalla molitura delle olive finiscono in mare

Puntuale ogni anno è l’appuntamento con gli scarichi inquinanti degli oleifici. Molte aziende che fanno la molitura delle olive rispettano la legge e tutti i parametri per il corretto smaltimento delle acque reflui degli impianti, ma esiste sempre qualcuno che evita gli adempimenti di legge e scarica abusivamente su torrenti, canali che finiscono in mare.

La macchia vista da un drone.

Negli anni passati il fiume Eleuterio cambiava colore per gli scarichi della zona di Misilmeri. Quest’anno a cambiare colore è il mare antistante il lido Fondachello a Santa Flavia. Lo scarico delle acque di vegetazioni, cosi si chiamano i reflui derivanti dalla lavorazione delle olive, è altamente inquinante. Crea una patina oleosa che limita l’ossigenazione delle acque e non permette facilmente la vita nelle zone colpite.

L’acqua di vegetazione è molto più inquinante delle acque reflue che normalmente finiscono nei depuratori cittadini. Versare queste acque di lavorazione abusivamente è un crimine all’ambiente perseguibile penalmente. Lasciando da parte il reato penale, ma lo sversamento è veramente un attentato all’ambiente che coinvolge anche chi lo commette.

Speriamo che tutti gli enti interessati possano risalire all’autore dello sversamento abusivo e punirlo. A noi non resta che denunciare l’accaduto e dare massimo risalto alla vicenda.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Introduzione di insetti esotici e danni agli agrumi.
    Gli insetti sono gli organismi che con più facilità riescono a viaggiare tra continenti all’interno delle merci. L’Italia si trova in una posizione geografica centrale ed è un crocevia per il traffico di merci, inoltre ha un ampio range di microclimi che permette agli insetti alieni di ambientarsi facilmente e riprodursi con facilità. Nel nostro
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere
  • Lavori mese per mese: Gennaio
    Il mese di gennaio è un mese di particolare riposo per tutti. Sia per le piante e sia per i coltivatori. Vediamo i vari lavori che si possono comunque fare nelle diverse situazioni di coltivazione. In casa Eliminare le foglie ingiallite e cecare di individuare la causa dell’inconveniente. Potrebbe trattarsi di una mancata irrigazione. Dedicare
  • La begonia, il fiore di casa e giardino
    La begonia viene coltivata per la bellezza delle foglie carnose e variopinte e dei fiori che possono spaziare dal bianco al giallo, per passare al rosso. Appartiene alla famiglia delle Begoniacee e le specie coltivate sono la Grandiflora, multiflora, camellieflora, ecc e molti ibridi commerciali della Begonia tubercolata. E’ una pianta tuberosa, con fusti carnosi
  • Genetica: l’identificazione del DNA come la molecola ereditaria
    Nel corso del tempo gli studiosi avevano identificato i possibili responsabili delle informazioni ereditarie. Da un lato potevano essere le proteine e dall’altro gli acidi nucleici. Nel primo caso gli scienziati avevano venti amminoacidi che potevano trasmettere le informazioni genetiche, dall’altro solo quattro acidi nucleici o basi azotate. Gli esperimenti nel corso di un secolo
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.