Santa Flavia: reflui inquinanti dalla molitura delle olive finiscono in mare

Puntuale ogni anno è l’appuntamento con gli scarichi inquinanti degli oleifici. Molte aziende che fanno la molitura delle olive rispettano la legge e tutti i parametri per il corretto smaltimento delle acque reflui degli impianti, ma esiste sempre qualcuno che evita gli adempimenti di legge e scarica abusivamente su torrenti, canali che finiscono in mare.

La macchia vista da un drone.

Negli anni passati il fiume Eleuterio cambiava colore per gli scarichi della zona di Misilmeri. Quest’anno a cambiare colore è il mare antistante il lido Fondachello a Santa Flavia. Lo scarico delle acque di vegetazioni, cosi si chiamano i reflui derivanti dalla lavorazione delle olive, è altamente inquinante. Crea una patina oleosa che limita l’ossigenazione delle acque e non permette facilmente la vita nelle zone colpite.

L’acqua di vegetazione è molto più inquinante delle acque reflue che normalmente finiscono nei depuratori cittadini. Versare queste acque di lavorazione abusivamente è un crimine all’ambiente perseguibile penalmente. Lasciando da parte il reato penale, ma lo sversamento è veramente un attentato all’ambiente che coinvolge anche chi lo commette.

Speriamo che tutti gli enti interessati possano risalire all’autore dello sversamento abusivo e punirlo. A noi non resta che denunciare l’accaduto e dare massimo risalto alla vicenda.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • GANGI, 38 ALBERI PER I NUOVI NATI NEL 2022
    Un albero per ogni nato. A Gangi ieri (domenica 27 novembre) l’area antistante la scuola primaria, plesso “Don Bosco”, si è arricchita di 38 nuovi alberi piantati per ogni bambino nato, adottato o affidato nel 2022. L’iniziativa, al suo secondo anno, è dell’Ordine Francescano secolare di Sicilia “Immacolata Concezione” in collaborazione con il Comune di
  • Palermo: Acque dal depuratore per l’agricoltura
    Agli agricoltori di Marineo e Corleone acqua depurata per coltivare i campi. È l’obiettivo di un’iniziativa con fondi europei che il Gal “Terre Normanne” sta mettendo a punto insieme con dipartimento di Ingegneria dell’Università di Palermo, i Comuni di Corleone e Marineo, l’Amap, il Consorzio di bonifica e l’Ati. Il progetto prevede un finanziamento da
  • Novembre e l’invasione dei ciclamini. Come conservarli dopo la stagione.
    I Ciclamini sono piante molto decorative per via del colore delle foglie, la forma stessa e i colorati fiori, ma anche economiche e facili da trovare in tutti i negozi, dal supermercato al vivaista di fiducia. Inoltre la versione “mini” di questa pianta la rende molto gradevole anche per i bambini. Spesso, molto spesso, dopo
  • L’olio del cipresso o oleum cipressi: qualità balsamiche conosciute da sempre
    Le proprietà benefiche per i polmoni sono conosciuti fin dall’antichità quando i medici greci inviavano a Creta i malati per lunghe passeggiate sotto i cipressi di cui l’isola era piena. Dagli aghi, dai rami più teneri e dai frutti dei cipressi ( che in realtà non sono propriamente tali) si ottiene un olio, l’oleum cipressi,
  • Il tipo di terreno e come renderlo perfetto alla coltivazione
    I terreni si possono dividere in argillosi, sabbiosi, calcarei, salsi, umiferi. Sono terreni argillosi tipici quelli maggiormente compatti. Per questa loro caratteristica si lavorano con molta fatica e non lasciano circolare agevolmente l’acqua, che, a causa di ciò, difficilmente può arrivare negli strati profondi e, fermandosi alla superficie dà luogo ad una caratteristica mota appiccicosa
  • Cipresso Arizonica o dell’Arizona
    Conosciuto come Cupressum Glabra o cipresso dell’Arizona è appunto originario degli Stati Uniti, nella parte centrale dello stato dell’Arizona, dove forma grandi foreste. La pianta ha una altezza che varia tra i 7 ed i 18 metri, un diametro di 3 – 5 metri con il tronco ed i rami secondari eretti che, nell’insieme, conferiscono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.