EcologiaNews

Una raccolta firme per salvare le api. Iniziativa del WWF Italia

Le api sono in pericolo. Lo sono da diversi anni ed il grido di allarme degli apicoltori non sempre raggiunge gli organi di stampa o il mondo politico ed economico del nostro paese. Il fatto che l’inquinamento e l’agricoltura intensiva, insieme ai cambiamenti climatici, siano i fattori principali della morte di api e insetti impollinatori ed utili è fuor di dubbio.

Bisogna, però, intervenire con una politica di riduzione degli agenti chimici utilizzati in agricoltura e favorire la crescita delle colonie di insetti impollinatori. Il WWF Italia ha attivato una raccolta firme per chiedere all’Europa di impegnarsi alla tutela degli insetti e di porre in essere stragetie economiche ed agricole utili alla salvaguardia dell’ambiente e dell’ecosistema.

Questo è il comunicato del WWF Italia:

Le api – che tra tutti gli impollinatori sono le più famose – non producono solo miele, ma giocano un ruolo essenziale negli ecosistemi. Pensa che senza insetti impollinatori le nostre tavole sarebbero vuote. L’impollinazione è uno dei servizi ecosistemici più importanti forniti dalla natura per l’alimentazione umana e per l’economia. Delle circa 1.400 piante che nel mondo producono cibo e prodotti dell’industria, quasi l’80% richiede l’impollinazione. Da questi piccoli invertebrati dipende il 35% della produzione agricola mondiale, con un valore economico stimato ogni anno di oltre 153 miliardi di euro a livello globale e 22 miliardi di euro in Europa.

Numeri grandi, che passano però sotto il silenzio più generale. A causa di politiche agricole che promuovono un’agricoltura intensiva che dipende dai pesticidi, gli agroecosistemi e la vita degli insetti impollinatori sono in grave pericolo, e non solo la loro…

Pensa alle api come a un termometro naturale: il fatto che ce ne siano sempre meno in Italia e che stiano morendo significa che c’è qualcosa che non va, che non siamo più sicuri. Se il loro ecosistema è talmente compromesso da minarne la sopravvivenza significa che anche la nostra vita è in pericolo. Le sostanze chimiche di sintesi usate in agricoltura sono tossiche: contaminano la terra, i fiori, l’acqua dei fium,i avvelenando drammaticamente tutti gli insetti. In 30 anni in Europa, abbiamo perso il 75% della biomassa degli insetti volatori, molti dei quali sono impollinatori.

E mentre gli insetti muoiono, anche la frutta e la verdura che abbiamo tutti i giorni in tavola sta diventando pericolosa per la nostra salute: beviamo e mangiamo ogni giorno alimenti contaminati da pesticidi. E la cosa più grave è che ce ne accorgiamo troppo tardi, solo se colpiti da gravi malattie!

L’Unione Europea ha promosso un’importante iniziativa per la tutela degli insetti impollinatori, ma il nostro Paese è in grave ritardo. Il Piano di Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei pesticidi è scaduto da febbraio 2019 e il suo iter per il rinnovo è in stallo da allora.

Davanti a queste gravi minacce per la nostra salute e la Natura non possiamo rimanere a guardare. Unisciti e firma la nostra petizione per chiedere ai decisori politici un forte impegno per la tutela degli insetti impollinatori.

Puoi firmare la petizione in questa pagina

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Bagheria: primo corso gratuito di orticoltura e di autoproduzione alimentare.
    Sabato 25 maggio dalle 9:30 alle 11:30 presso Zooagricola di via Federico II si svolgerà il primo corso gratuito di orticoltura organizzato da natiperterra.it Durante l’incontro, destinato a bambini e adulti si parlerà di coltivare le nostre verdure ortaggi sia in casa che in campo. Per i più piccoli, inoltre, un piccolo laboratorio per seminare
  • Orto in vaso: coltivare la lattuga Batavia o Canasta
    Coltivare in vaso la lattuga Batavia, meglio conosciuta come Canasta, non è difficile e richiede solo un piccolo impegno per ottenere la vostra verdura fresca e biologica. La lattuga Canasta è molto croccante e poco amara, ideale per insalate. Riesce a crescere rigogliosa anche in vaso in una posizione luminosa e anche a diretto contatto
  • Cosa sono i nucleotidi del Dna?
    Sono alla base della struttura del DNA e sono stati studiati negli ultimi duecento anni. Un nucleotide e’ formato da uno zucchero pentoso, il ribosio (nell’RNA) o il deossiribosio (nel DNA), da un gruppo fosfato e da una base azotata. I nucleotidi sono quattro a secondo della base azotata che si lega allo zucchero pentoso.
  • Palermo: Chiusura per lavori dell’Orto Botanico.
    Chiusura temporanea al pubblico dei cancelli di via Lincoln dell’ Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo, decisa dalla direzione del SiMuA, Sistema Museale di Ateneo dell’ Università, per motivi di sicurezza, a partire da lunedì 18 e sino al 22 marzo, con riapertura già pianificata per il 23. Si tratta di una settimana lavorativa,
  • Nicosia: Festa di primavera, tra Camelie, storia e sogni
    Una festa dedicata alle camelie, alle storie e ai sogni legati al convento, a Nicosia, al territorio, alle relazioni, alla comunità. Una festa che apre i battenti sabato 16 marzo alle ore 18.00 a Nicosia, nella Chiesa di sant’Agostino, con un concerto e l’inaugurazione della mostra “L’uomo che sognava i leoni. La storia del pittore
  • Introduzione di insetti esotici e danni agli agrumi.
    Gli insetti sono gli organismi che con più facilità riescono a viaggiare tra continenti all’interno delle merci. L’Italia si trova in una posizione geografica centrale ed è un crocevia per il traffico di merci, inoltre ha un ampio range di microclimi che permette agli insetti alieni di ambientarsi facilmente e riprodursi con facilità. Nel nostro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.