EcologiaNews

Una raccolta firme per salvare le api. Iniziativa del WWF Italia

Le api sono in pericolo. Lo sono da diversi anni ed il grido di allarme degli apicoltori non sempre raggiunge gli organi di stampa o il mondo politico ed economico del nostro paese. Il fatto che l’inquinamento e l’agricoltura intensiva, insieme ai cambiamenti climatici, siano i fattori principali della morte di api e insetti impollinatori ed utili è fuor di dubbio.

Bisogna, però, intervenire con una politica di riduzione degli agenti chimici utilizzati in agricoltura e favorire la crescita delle colonie di insetti impollinatori. Il WWF Italia ha attivato una raccolta firme per chiedere all’Europa di impegnarsi alla tutela degli insetti e di porre in essere stragetie economiche ed agricole utili alla salvaguardia dell’ambiente e dell’ecosistema.

Questo è il comunicato del WWF Italia:

Le api – che tra tutti gli impollinatori sono le più famose – non producono solo miele, ma giocano un ruolo essenziale negli ecosistemi. Pensa che senza insetti impollinatori le nostre tavole sarebbero vuote. L’impollinazione è uno dei servizi ecosistemici più importanti forniti dalla natura per l’alimentazione umana e per l’economia. Delle circa 1.400 piante che nel mondo producono cibo e prodotti dell’industria, quasi l’80% richiede l’impollinazione. Da questi piccoli invertebrati dipende il 35% della produzione agricola mondiale, con un valore economico stimato ogni anno di oltre 153 miliardi di euro a livello globale e 22 miliardi di euro in Europa.

Numeri grandi, che passano però sotto il silenzio più generale. A causa di politiche agricole che promuovono un’agricoltura intensiva che dipende dai pesticidi, gli agroecosistemi e la vita degli insetti impollinatori sono in grave pericolo, e non solo la loro…

Pensa alle api come a un termometro naturale: il fatto che ce ne siano sempre meno in Italia e che stiano morendo significa che c’è qualcosa che non va, che non siamo più sicuri. Se il loro ecosistema è talmente compromesso da minarne la sopravvivenza significa che anche la nostra vita è in pericolo. Le sostanze chimiche di sintesi usate in agricoltura sono tossiche: contaminano la terra, i fiori, l’acqua dei fium,i avvelenando drammaticamente tutti gli insetti. In 30 anni in Europa, abbiamo perso il 75% della biomassa degli insetti volatori, molti dei quali sono impollinatori.

E mentre gli insetti muoiono, anche la frutta e la verdura che abbiamo tutti i giorni in tavola sta diventando pericolosa per la nostra salute: beviamo e mangiamo ogni giorno alimenti contaminati da pesticidi. E la cosa più grave è che ce ne accorgiamo troppo tardi, solo se colpiti da gravi malattie!

L’Unione Europea ha promosso un’importante iniziativa per la tutela degli insetti impollinatori, ma il nostro Paese è in grave ritardo. Il Piano di Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei pesticidi è scaduto da febbraio 2019 e il suo iter per il rinnovo è in stallo da allora.

Davanti a queste gravi minacce per la nostra salute e la Natura non possiamo rimanere a guardare. Unisciti e firma la nostra petizione per chiedere ai decisori politici un forte impegno per la tutela degli insetti impollinatori.

Puoi firmare la petizione in questa pagina

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Lavori mese per mese: Febbraio
    Lavori da Fare in Casa, Balcone e Giardino per le Piante a Febbraio Con l’arrivo di febbraio, è il momento perfetto per preparare il tuo spazio all’aperto per la primavera. Ecco alcuni lavori da fare in casa, sul balcone e nel giardino per le tue amate piante: Ricorda che ogni piccolo gesto conta per mantenere
  • Lavori mese per mese: Gennaio
    Il mese di gennaio è un mese di particolare riposo per tutti. Sia per le piante e sia per i coltivatori. Vediamo i vari lavori che si possono comunque fare nelle diverse situazioni di coltivazione. In casa Eliminare le foglie ingiallite e cecare di individuare la causa dell’inconveniente. Potrebbe trattarsi di una mancata irrigazione. Dedicare
  • La begonia, il fiore di casa e giardino
    La begonia viene coltivata per la bellezza delle foglie carnose e variopinte e dei fiori che possono spaziare dal bianco al giallo, per passare al rosso. Appartiene alla famiglia delle Begoniacee e le specie coltivate sono la Grandiflora, multiflora, camellieflora, ecc e molti ibridi commerciali della Begonia tubercolata. E’ una pianta tuberosa, con fusti carnosi
  • Genetica: l’identificazione del DNA come la molecola ereditaria
    Nel corso del tempo gli studiosi avevano identificato i possibili responsabili delle informazioni ereditarie. Da un lato potevano essere le proteine e dall’altro gli acidi nucleici. Nel primo caso gli scienziati avevano venti amminoacidi che potevano trasmettere le informazioni genetiche, dall’altro solo quattro acidi nucleici o basi azotate. Gli esperimenti nel corso di un secolo
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.