Piante & Fiori

Il Cipresso Macrocarpa: l’alberello di natale

Il Cipresso macrocarpa è usato come pianta d’appartamento: il suo fogliame delicato, verde brillante, è molto apprezzato e dona un tocco raffinato. La forma originale è conica cosa che lo rende particolarmente adatto per essere decorato nel periodo invernale al Natale. Infatti, nel periodo invernale viene spesso venduto adornato ad alberello di Natale per entrare nelle case ed arredare le feste natalizie.

Il Cipresso macrocarpa è originario della California ed è molto resistente e facile da coltivare. In giardino è spesso usato come barriera frangivento e per chiudere la visuale.

Annaffiatura
Annaffiate moderatamente durante l’estate, e fate attenzione che non si asciughi completamente. Riducete l’irrigazione in inverno. Apprezza la nebulizzazione dell’acqua sulle foglie in qualsiasi periodo dell’anno.

Temperatura
Di facile manutenzione, questa pianta si adatta facilmente alla temperatura delle nostre stanze, anche a temperature calde e all’aria
secca dell’inverno, a condizione che abbia sempre il terreno umido. Meglio se la notte venga posizionata in un luogo fresco. Attenzione
a non esporla a temperature sotto i 5 °C.

Esposizione
Il Cipresso macrocarpa ama la luce diffusa, ma mai diretta. Evitate le correnti d’aria e la vicinanza con un termosifone. È una pianta
d’appartamento ma, per avere delle condizioni ottimali, meglio che in estate riceva più luce possibile. La conseguenza della mancanza di
luce è che perda il verde acceso delle sue foglie.

Rinvasatura
Richiede un terreno ricco e leggero. Mettetelo in un terreno alleggerito con torba o sabbia. Rinnovate la terra in superficie ogni anno.
Potete potare i rami se vedete che crescono eccessivamente (tenete conto che la pianta può raggiungere i 1,5 metri) in modo che la pianta
abbia la dimensione che preferite.

Moltiplicazione
Meglio farla fare da specialisti. Se volete potete provare a piantare i semi del vostro Cipresso che avete avuto cura di mantenere dormienti
nei tre mesi precedenti (sono semi che non possono essere subito riseminati, ma bisogna far passare alcuni mesi prima di piantarli).

Possibili problemi
Se il fogliame ingiallisce è perché il terreno è troppo secco.

Da sapere
Il Cipresso macrocarpa non è particolarmente soggetto a malattie o attacchi di parassiti. Spesso lo si trova potato per mantenerlo piccolo
o per creare una serie di ”ciuffi” lungo il tronco che altrimenti rimarrebbe spoglio.

Questa pianta è molto interessante per l’arte topiaria, cioè l’arte di creare sculture anche geometriche con gli alberelli. Infatti riesce a subire forti potature senza grosse difficoltà.

Fotografia Vivaio Lo Porto Palermo
Fotografia Bronte Garden
Fotografia dai social

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.