Il sovescio come pratica agronomica e biologica

Il sovescio è una pratica agronomica antica che abbiamo ripristinato, modernizzandolo, nella nostra orticoltura naturale. Consiste nel seminare un miscuglio di erbe, ognuna con la sua proprietà benefica per il suolo.

Le graminacee che hanno un apparato radicale fascicolato molto sviluppato che lavora il terreno rendendolo soffice e permeabile all’acqua ed all’ossigeno; inoltre sulle loro radici facilmente si sviluppano in simbiosi molti funghi e batteri utili alla rizosfera.

Le leguminose che hanno la proprietà di fissare l’azoto nel terreno, ed anche rafano che con le sue profonde radici scioglie il terreno anche in profondità ed ha effetto di disinfezione dai nematodi.





A fioritura, prima che vadano a seme, le piante vengono trinciate, cosparse di batteri umificanti ed interrate.

Abbiamo ottenuto lo stesso effetto di una abbondante letamazione e di un trattamento disinfettante chimico. E invece che far girare per le strade 500 qli di letame abbiamo fatto girare 10 kg di sementi e 50 gr di batteri. Il biologico, oltre che farci mangiare sano, si prende cura di ogni aspetto dell’ambiente.

Renato Maggiolo

Come si presenta il terreno seminato per il sovescio
Il taglio dell’erba per il sovescio








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.