L’ALBERO PRINCIPE DELLE VECCHIE CAMPAGNE MARCHIGIANE: L’ACERO CAMPESTRE

Mi mancavano proprio quelle belle chiacchierate con i ragazzi delle scuole. Ci eravamo fermati l’8 marzo 2020. Avevo in programma per l’11 marzo una visita agli alunni delle elementari di Campofilone per parlare della Grande Guerra, ma tutto si fermò per il Covid. Solo lo scorso 25 novembre, venerdì, su invito di Agnese Massaccesi, ho potuto riassaporare la gioia di un nonno (mancato) che racconta le favole ai nipotini. La scuola era il liceo linguistico di Osimo. La classe ha in programma di piantare degli alberi e la mia conversazione avrebbe dovuto suggerire loro gli alberi adatti. Così ho parlato di quegli alberi che, in passato, hanno aiutato i contadini nella loro vita dura e stentata. Fra questi, non poteva mancare l’acero campestre, la presenza più familiare ai nostri occhi di bambini di una volta, forse più delle stesse querce.

La Foto 1 faceva vedere ai ragazzi come era il paesaggio marchigiano di una volta e qualcuno, confrontando mentalmente questo paesaggio con le colline che egli vede tutti i giorni, ha commentato: “oggi sono tutte spelacchiate”. Tuttavia, in qualche angolo della regione, per esempio a Santa Vittoria in Matenano, un contadino ha voluto conservare un paio di filari di aceri e viti maritati fra loro come una volta (foto 2), dove ogni singolo acero si accoppia a una o due viti (foto 3). Inoltre, qualche acero, rimasto vedovo della vite, è cresciuto fino a diventare monumentale, come quello di Monte Cavallo (foto 4), o di Sambucheto (foto 5)

Ultima nota personale: non ascolterò più i media, quando ci vorranno far credere che gli alunni di oggi sono indisciplinati, svogliati, apatici, ribelli. I miei (per un’ora sola, purtroppo) ragazzi sono stati attenti e silenziosi, tutti intenti a prendere appunti, ma anche pronti a porre domande intelligenti e pertinenti; e sono sicuro che questa è la realtà di ogni scuola. Grazie ragazze e ragazzi! Avete regalato un’ora di gioia a uno che vi può essere bisnonno.

Valido Capodarca

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Il verde della clorofilla ed i colori dei fiori. Come la natura ci regala tanta meraviglia: i plastidi
    La natura ci regala una infinità di colori strabilianti. Il colore dominante della natura è certamente il verde delle foglie, dell’erba, delle piante grasse, ma la bellezza dei colori di fiori e di alcune foglie ci fa innamorare delle meraviglie naturali. I colori nel mondo vegetale sono determinati dai plastidi contenuti nelle cellule vegetali. I
  • Che cosa è una cellula vegetale e quali sono le differenze con una cellula animale.
    La cellula è la più piccola parte di un organismo vivente. Esistono organismi formati da una sola cellula, i batteri ad esempio, che sono antichi miliardi di anni. La cellula vegetale è autotrofa, cioè, riesce a sintetizzare una molecola di glucosio da sostanze inorganiche come l’acqua e l’anidride carbonica. Questa è certamente la principale differenza
  • Botanica: alcuni nomi difficili da ricordare…
    In botanica sono in uso moltissimi nomi da conoscere. Per gli appassionati o gli studenti è necessario conoscere alcuni nomi che identificato le nostre piante e ne descrivono alcune caratteristiche. Ci sono piante i cui semi sono monocotiledoni e dicotiledoni. Hanno caratteristiche tanto diverse. Monocotiledoni Le monocotiledoni sono piante appartenenti alle angiosperme i cui semi
  • Cinque piante che non possono mancare in un appartamento
    Le cinque piante che non dovrebbero mai mancare in un appartamento selezionate per la facilità di coltivazioni in un ambiente chiuso e poco illuminato. Inoltre queste piante hanno la capacità di purificare l’aria della nostra casa e, come la Sanseveria, possono stare anche nella stanza da letto. Ficus Elastica (Ficus Elastica): noto anche come Ficus
  • CRISI AGRICOLTURA. Gennuso (FI) “Dichiarare calamità climatica”
    “Dichiarare lo stato di calamità climatica per individuare strumenti e risorse utili per sostenere le aziende agricole e dell’indotto, messe ormai in ginocchio da un clima impazzito, che in inverno vede punte di ben 22 gradi.”E’ quanto chiede Riccardo Gennuso, deputato regionale di Forza Italia, che ha presentato oggi una mozione all’Assemblea Regionale Siciliana con
  • La Sanseveria in poche parole
    La Sanseveria è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Asparagaceae. È nota anche come “pianta delle lingue di serpente” o “pianta della seta” a causa della sua caratteristica foglia liscia e lucida. La Sanseveria è originaria delle regioni tropicali dell’Africa e dell’Asia, ma oggi è coltivata in tutto il mondo come pianta d’appartamento. Le

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.