L’ALBERO PRINCIPE DELLE VECCHIE CAMPAGNE MARCHIGIANE: L’ACERO CAMPESTRE

Mi mancavano proprio quelle belle chiacchierate con i ragazzi delle scuole. Ci eravamo fermati l’8 marzo 2020. Avevo in programma per l’11 marzo una visita agli alunni delle elementari di Campofilone per parlare della Grande Guerra, ma tutto si fermò per il Covid. Solo lo scorso 25 novembre, venerdì, su invito di Agnese Massaccesi, ho potuto riassaporare la gioia di un nonno (mancato) che racconta le favole ai nipotini. La scuola era il liceo linguistico di Osimo. La classe ha in programma di piantare degli alberi e la mia conversazione avrebbe dovuto suggerire loro gli alberi adatti. Così ho parlato di quegli alberi che, in passato, hanno aiutato i contadini nella loro vita dura e stentata. Fra questi, non poteva mancare l’acero campestre, la presenza più familiare ai nostri occhi di bambini di una volta, forse più delle stesse querce.

La Foto 1 faceva vedere ai ragazzi come era il paesaggio marchigiano di una volta e qualcuno, confrontando mentalmente questo paesaggio con le colline che egli vede tutti i giorni, ha commentato: “oggi sono tutte spelacchiate”. Tuttavia, in qualche angolo della regione, per esempio a Santa Vittoria in Matenano, un contadino ha voluto conservare un paio di filari di aceri e viti maritati fra loro come una volta (foto 2), dove ogni singolo acero si accoppia a una o due viti (foto 3). Inoltre, qualche acero, rimasto vedovo della vite, è cresciuto fino a diventare monumentale, come quello di Monte Cavallo (foto 4), o di Sambucheto (foto 5)

Ultima nota personale: non ascolterò più i media, quando ci vorranno far credere che gli alunni di oggi sono indisciplinati, svogliati, apatici, ribelli. I miei (per un’ora sola, purtroppo) ragazzi sono stati attenti e silenziosi, tutti intenti a prendere appunti, ma anche pronti a porre domande intelligenti e pertinenti; e sono sicuro che questa è la realtà di ogni scuola. Grazie ragazze e ragazzi! Avete regalato un’ora di gioia a uno che vi può essere bisnonno.

Valido Capodarca

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Cosa é il modello di Lewis del legame chimico?
    Il modello di Lewis del legame chimico è una rappresentazione che ci descrive in modo opportuno atomi e legami. Secondo questo modello gli atomi si legano tra loro per assomigliare nella configurazione elettronica al gas nobile più vicino come numero atomico. Gli atomi che perdono elettroni per raggiungere il guscio elettronico del gas mobile si
  • Un pò di tecnica: la moltiplicazione per divisione
    Chi ama il giardinaggio, prima o poi, dovrà affrontare l’argomento moltiplicazione. Non tanto per evitare di acquistare sempre piante, ma per l’orgoglio di veder crescere le piante. Ci sono diverse tecniche per riprodurre le nostre piante che variano a secondo delle varietà e che presentano difficoltà diverse. Una di queste tecniche è la moltiplicazione per
  • A Monreale la Giornata nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare – “La giornata di Marilù!
    [Agronomi Palermo] Il 20 maggio si celebra la giornata della biodiversità di interesse agricolo ed alimentare. La biodiversità agricola e tutto quello che è strettamente legato al territorio, passando per tradizioni, manualità, genialità etc. vede spesso i Dottori Agronomi e Forestali in prima linea. Molti sono i casi di Agronomi che con il loro lavoro
  • GIÙ LE MANI DALLA STAZIONE (di granicoltura) di CALTAGIRONE
    A due passi da Caltagirone, nella piccola frazione di Santo Pietro, vive dal 1927 una realtà, non conosciuta ai più, ma che rappresenta uno dei vanti della Sicilia: la Stazione consorziale sperimentale di granicoltura. Venne istituita nel 1927 da un regio decreto nell’ambito della battaglia del grano, che voleva rendere l’Italia autosufficiente nella produzione di
  • Cicca di sigaretta: da pericolo a risorsa recuperata. Anche Bagheria installa i Re-cig
    La cicca di sigaretta o mozzicone è un vero pericolo per l’ambiente e la salute. Anche se negli ultimi anno il numero di fumatori in Italia è diminuito, l’abbandono delle cicche è sempre notevole ed è un problemi per l’ambiente sotto diversi aspetti. Lo hanno capito anche l’amministrazione comunale di Bagheria, in Provincia di Palermo,
  • Il tempo della fioritura dell’Aquilegia vulgaris
    Passeggiando tra i sentieri di montagna e nelle valli delle regioni settentrionali si ci potrà imbattere nel bellissimo fiore dell’Aquilegia Vulgaris che tra maggio e giugno fiorisce abbondantemente. Spesso si incontra nei giardini dove viene coltivata per il colore dei suoi fiori. La propagazione spontanea tramite semi che vengono sparsi da uccelli ha reso selvatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.