Schlumbergera, la pianta “grassa” che fiorisce a Natale.

Io sono sempre dell’opinione che convenga chiamare le piante con il loro nome scientifico, inventato proprio per evitare le confusioni che erano generate dai nomi volgari che non rispondono a nessuna regola.

La pianta di cui parliamo è la Schlumbergera, un genere di catcatecee piuttosto atipico, visto che a differenza delle altri appartenenti alla famiglia, non amano il sole diretto, anzi lo temono, preferiscono luoghi freschi, umidi, ombrosi anche se luminosi!

Il genere conta sette specie diverse (poi ci sono gli ibridi e le varietà che i giardinieri creano per soddisfare le richieste di un marcato sempre più pretenzioso).

Le più commercializzate sono la Schlumbergera x buckleyi (commercializzata anche con il nome di Schlumbergera bridgesii), un ibrido tra S.‭ ‬russelliana e S.‭ ‬truncata, ha rami non dentati e noi generalmente la chiamiamo ‘natalina’ perché comincia la sua fioritura in questo periodo fioritura che si può protrarre sino a febbraio e che a volte rifiorisce a maggio! Ha rami pendenti.

Ma anche la S.‭ ‬truncata fiorisce in questo periodo per cui anche lei viene indicata come ‘natalina’, ha rami dentati e poco o per niente pendenti, con le dentature che si staccano dal ramo.

Quella che fiorisce più precocemente è la Schlumbergera orssichiana, anch’essa con rami dentati, ma con denti molto attaccati ai rami e rami pendenti. Qualcuno la chiama ‘cactus del ringraziamento’

In commercio si trova, raramente, anche la Schlumbergera‭ ‬kautskyi‭ che ha rami rossicci.

Giuseppe De Palma

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • La Monstera, la pianta “mostruosa” che rende verde la casa
    La Monstera Deliciosa è una pianta molto appariscente. Le sue foglie sono enormi e possono raggiungere il metro di lunghezza e i 60 centimetri di larghezza nel suo habitat naturale. Il colore verde intenso, lucido, delle foglie e le dimensioni extra large sono indicate per ambienti molto luminosi e grandi. Avendo lo spazio sufficiente a
  • L’albero più grande d’Europa: Il Ficus macrophylla subsp. columnaris di Piazza Marina a Palermo
    Nel 1863, l’architetto Filippo Basile progettò e costruì sul piano della Marina di Palermo (oggi Piazza Marina) il Giardino Garibaldi, tipico esempio di Giardino all’Inglese. Il giardino all’Inglese di distingue e per certi versi si contrappone al Giardino all’Italiana per i suoi spazi che seguono linee e forme “libere”, più vicine ai profili dei paesaggi
  • Chimica: i tipi di materia, sostanze pure e miscele
    La materia è qualsiasi cosa occupi uno spazio e abbia una massa. Comprendere i termini per la sua classificazione ci è utile per capire di cosa parliamo. La materia esiste in tre stati: solido, liquido e gassoso. La materia può essere classificata in due categorie: Le sostanze pure possono essere elementi o composti, mentre le
  • DIPLOMATI I PRIMI 38 TECNICI SUPERIORI NEL SETTORE AGROALIMENTARE IN SICILIA ALL’ITS SICANI DI BIVONA (AG)
    A Bivona (AG), conclusi con l’Esame di Stato finale per 38 studenti, i primi due percorsi biennali a numero chiuso sull’asse Agroalimentare – Made in Italy della Fondazione ITS Sicani: “Tecnico superiore della filiera del grano duro”, finalizzato alla specializzazione nel settore della cerealicoltura, e “Tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing
  • Asphodelus macrocarpus – Asfodelo: è una specie commestibile ed officinale.
    Gli asfodeli sono stati utilizzati soprattutto durante le carestie. I loro germogli venivano consumati fritti o bolliti, anche le radici venivano bollite o cotte sotto la cenere, o, ridotte in farina per la panificazione, a volte mescolate con granaglie o patate. Anche i semi venivano utilizzati, come condimento o grigliati. In Egitto e nelle Isole
  • L’isola di Pantelleria un mondo Archeologico e Paesaggistico da scoprire e da visitare.
    Il villaggio capannicolo con la vicina necropoli dei Sesi, costruzioni megalitiche funerarie di forma irregolarmente conica, costituisce una testimonianza importante per la vita delle genti dell’antico Bronzo che viveva di risorse agro-pastorali e di pesca. L’isola è stata un ponte tra la Sicilia e l’Africa ed i suoi rapporti con il mondo egeo è documentato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.