Piante & Fiori

Novembre e l’invasione dei ciclamini. Come conservarli dopo la stagione.

I Ciclamini sono piante molto decorative per via del colore delle foglie, la forma stessa e i colorati fiori, ma anche economiche e facili da trovare in tutti i negozi, dal supermercato al vivaista di fiducia. Inoltre la versione “mini” di questa pianta la rende molto gradevole anche per i bambini. Spesso, molto spesso, dopo il rigoglio della fioritura sono destinati alla spazzatura. Perchè invece non provare a conservarle?

i terrazzi e i balconi sono luoghi ideali per i ciclamini: queste piante richiedono luoghi freschi per vegetare meglio e per produrre fiori con continuità. In questo periodo, tra novembre e le feste di Natale e tra le piante più vendute e commercializzate. Quando le vediamo cosi belle lo dobbiamo al metodo di coltivazione in serra che controlla luce, umidità e annaffiature che permettono alla pianta di vegetare in modo perfetto.

Le diverse condizioni climatiche in cui, poi, si viene a trovare quando la portiamo a casa possono influire sopratutto nello sviluppo vegetale e nella fioritura. Adoperando alcuni accorgimenti possiamo evitare il problema.

Post Acquisto

Bisogna trovare un luogo che possa garantire abbastanza luce alla pianta ed evitare che la temperatura possa salire oltre i 20 gradi. Quindi possiamo scegliere una finestra bel luminosa ma che sia priva di termosifoni. Possiamo porre il vaso su un contenitore che contenga qualche cm di argilla espansa che permetta di creare una zona umida che permetta alle radici di “bere” cioè di assorbire acqua in modo lento e continuo. Il terriccio deve essere umido ma senza esagerare per evitare putrefazioni delle radici.

Le innaffiature devono preferibilmente essere fatte dal sottovaso in modo che l’acqua venga assorbita dal terriccio nella parte bassa, lasciando la parte alta relativamente asciutta. Non fare seccare mai completamente il terriccio.

Da febbraio in poi

Eliminare i fiori sfioriti e le foglie gialle con una forbice molto affilata. Questo eviterà di sfilacciare i tessuti. Concimare ogni 20 giorni con un concime liquido per piante fiorite diluito nell’acqua delle innaffiature. Dai primi di marzo è possibile spostare le piante all’esterno proteggendole dal sole per tutta l’estate. E ricordarsi che il terriccio deve essere sempre umido. Soffriranno il caldo estivo ma non moriranno.

La mia esperienza personale.

Nella mia campagna tengo circa una trentina di piante di ciclamino che stanno fuori estate ed inverno. Mi trovo a Palermo e li tengo sotto la chioma sicura di alberi di ulivo, rialzate da terra su un bancale in inverno e direttamente a contatto con la terra in estate. Senza sottovaso per ovvie ragioni. I casi di mortalità sono di circa due ogni dieci e, per fortuna, nel periodo invernale ne raccolgo moltissime dalla spazzatura che cerco di recuperare bene e regalare agli amici.

P.S. in estate con il caldo è un continuo innaffiare e tengo sempre la terra umida nel fondo del vaso.

Buona Coltivazione a tutti

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o
  • Un anno ricco di eventi per l’Orto Botanico di Palermo
    L’Orto Botanico di Palermo si conferma ricco di eventi che hanno avuto particolare successo tra il pubblico e il nuovo anno si spera possa essere altrettanto interessante e ricco di novità. L’Orto botanico di Palermo è un’isola di biodiversità, un museo vivente che ormai è anche uno tra i più importanti centri culturali della città,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.