Sicilia: Riserva naturale di Capo Gallo a Palermo

La Riserva naturale di Capo Gallo chiude la suggestiva baia di Mondello con il suo versante a picco sul mare. Suggestivo paesaggio carsico con netti pendii e rocce taglienti che separa il mare dalla terra.

Se, già, il colpo d’occhio di questa natura incontrastata ha il suo fascino, quello scientifico è di pari livello, sia per la flora e la fauna ospitata dalla riserva sia dal punto di vista archeologico.

Questi interessanti aspetti rendono la zona di interesse comunitario e, per questo motivo, sottoposto a riserva nel 2001 con una estensione di 583 ettari per il promontorio e con una riserva marina protetta nello specchio d’acqua prospiciente che include anche l’Isola delle Femmine.





Geologia e Morfologia

Capo Gallo doveva trovarsi circondato dai coralli in un mare tropicale prima di saldarsi alla terraferma e a modellarsi con il tempo e le intemperie nello stato attuale.

Erosioni che hanno creato incisioni, depressioni e cavità che risultano interessanti per i paleontologi che possono cercarvi fauna risalente al Quaternario.

Storia e Archeologia

Le numerose grotte presenti sopratutto nel versante orientale del Monte Gallo testimoniano che la zona era abitata e frequentata nel corso della storia.

Grotta Regina, ricca di iscrizioni, poteva essere un santuario rupestre punico; la Grotta Perciata, interessante dal punto di vista paleontologico; la Grotta dei Caprai, ricca di incisioni; la Grotta dell’Olio che si apre a fior di d’acqua, visitabile solo in barca.

Rinvenimenti punici, romani e normanni indicano che la zona era molto frequentata e possibilmente utilizzata per le torri di avvistamento o roccaforte contro gli assalti dal mare, come testimoniano il Dammuso di Gallo o Torre Amari, posto in vetta a Pizzo della Sella.

L’ambiente naturale terrestre

Nella riserva di Capo Gallo la macchia mediterranea è rigogliosa. Oltre alle normali varietà presenti al suo interno possiamo rinvenire varietà che sono presenti solo qui. Cresciute alle condizioni imposte dal monte e dal mare sono rare da vedere e rappresentano piante endemiche.

La riserva è poi meta di moltissimi uccelli che trovano riparo e rifugio nelle pareti verticali a picco sul mare ricco di insenature.

I percorsi di visita

La visita della riserva naturale è facilitata dagli accessi di Mondello e Sferracavallo e dai numerosi sentieri presenti e che sono sistemati dall’Ente gestore.

Alcuni percorsi sono facili e per tutti, altri sono un pò più impegnativi. I sentieri che si snodano lungo la costa sono suggestivi per le vedute sul mare e impegnato per circa un’ora.

Spettacolare e impegnativo il sentiero che conduce alla vetta dove la fatica della scalata è ripagata da un incantevole paesaggio tra Ustica e le isole Eolie, Mondello e l’entroterra.

Nella salita alla vetta si passa da una costruzione militare utilizzata durante la guerra e la casa di un eremita che ha deciso di vivere in questo luogo senza tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.