curiositàin evidenza

Storie per bambini: la volpe ed i lavori nell’orto

C’era una volta un piccolo paese circondato da bellissime colline verdi, dove vivevano tanti animali che si divertivano a giocare e a fare lunghe passeggiate nella natura. Ma un giorno, una volpe molto furba decise di fare un giro per il paese, e vide una bellissima fattoria con un grande orto poco distante dalle piccole case del centro abitato.

La volpe era affamata e decise di rubare le verdure dell’orto per sfamarsi. Ma quando arrivò nell’orto, si rese conto che c’era un gruppo di simpatici animali che stavano lavorando lì. C’era una lumaca, un coniglio, un topo e una coccinella.

La volpe si avvicinò curiosa e chiese loro cosa stessero facendo. La lumaca, che era la più saggia del gruppo, rispose: “Stiamo preparando l’orto per il mese di marzo! È il momento perfetto per seminare le verdure per la primavera”.

La volpe, che non aveva mai lavorato in un orto, chiese se poteva unirsi a loro e imparare come si coltivano le verdure. Gli animali furono felici di accoglierla e cominciarono a mostrarle come preparare il terreno, seminare le carote, le zucchine e i piselli.

La volpe, che all’inizio era un po’ pigra, si rese conto che lavorare nell’orto era molto divertente e soddisfacente. Passò tutto il mese di marzo con gli amici animali, imparando a prendersi cura delle verdure e a coltivare la terra.

E alla fine del mese di marzo, quando il sole iniziò a splendere e i primi germogli cominciarono ad apparire nell’orto, la volpe si sentì così felice e orgogliosa di avere aiutato a creare quella meraviglia della natura.

Da allora in poi, la volpe non rubò mai più le verdure dell’orto, ma piuttosto tornava ogni anno per lavorare insieme ai suoi amici animali nell’orto. E imparò che coltivare la terra non solo era un modo per sfamarsi, ma anche un modo per creare bellezza e condividere momenti speciali con gli amici.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • L’Azalea, il fiore che ti ammalia.
    L’azalea è una pianta appartenente alle Ericacee Rodoree ed in commercio si trovano molti ibridi che sono stati ottenuti dall’A. Indica e da altre specie. La sua coltivazione è dovuta alla bellezza dei fiori che si prestano bene per il nostro giardino e la casa. E’ un arbusto sempreverde che i botanici includono nel genere
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.