Togliere il terriccio dalle piante del vivaio

Togliere il terriccio dalle piante del vivaio

Quando si acquistano le piante da un vivaio o da un qualsiasi rivenditore dobbiamo mettere in considerazione che bisogna ripulire la pianta e cambiare il substrato su cui crescerà.

Questa operazione è dettata dall’esigenza di riportare la pianta in uno stato di normalità nell’ambiente domestico o nel giardino di casa che altrimenti non avrebbe.

Infatti il vivaio che fa crescere la pianta studia il substrato per rendere agevole e facilitare la crescita della pianta. Uno studio preciso per ridurre al massimo la permanenza in serra del vaso che comporta costi elevati se si pensa al periodo invernale. Questo dato è sensibile se si pensa che la serra può essere dislocata in ambienti dove gli inverni sono molto freddi e lunghi e questo comporta enormi spese per mantenere alta la temperatura interna e la luminosità della serra.





Da tutto questo dipende il fattore economico di crescita. Allora quando si compra una pianta si deve tenere in conto la necessità immediata di rimuovere totalmente il terriccio su cui è cresciuta bene in una serra e sostituirlo con un substrato adeguato per la crescita domestica o in giardino.

Ovviamente il substrato adeguato dipende dal tipo di pianta. Ad esempio se è un echinocactus il substrato deve essere composto da una maggior presenza di vari inerti con una bassa percentuale di humus e con una vaso che permette all’acqua di irrigazione o piovana di abbandonare completamente il substrato.

Informarsi sul tipo di pianta è fondamentale per scegliere il terriccio idoneo per permettere alla stessa di vivere per lungo tempo. Se si sceglie di lasciare la pianta nel terriccio originale si corre il rischio serio e concreto che perisca in breve tempo. Specialmente se esposti al sole caldo che asciuga rapidamente il terriccio e brucia inevitabilmente le fragili radici.

Quando pulite le radici della pianta dovete rimuovere completamente il terriccio. Una volta portate a nudo le radici vanno lasciate per qualche giorno all’aria aperta per far asciugare le eventuali ferite che hanno subito. Dopo questo lasso di tempo potete rimettere la pianta nel vaso con il giusto terriccio.

Ricordate, questa operazione è fondamentale per far continuare a crescere la vostra pianta.

[Foto da Facebook]




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.