Ode all’autunno nel Parco delle Madonie

Vivere l’autunno significa essere in grado di assaporarne ogni aspetto, ogni foglia, ogni cromia, ogni frutto che esso porta con sè. E’ una stagione talmente ricca e generosa che per amarla bisogna abbracciarla nella sua
totalità, compresa la sua aria nostalgica e a tratti malinconica; bisogna essere dei veri cultori dell’autunno per coglierne tutta la sua bellezza.

In Sicilia è possibile respirare la magia dell’autunno in tantissimi luoghi, uno tra questi è
certamente il Parco delle Madonie, in provincia di Palermo. Si tratta di un ambiente versatile in grado di cambiare volto in base alle stagioni: qui la natura sa essere molto generosa anche durante l’autunno, quando riesce a dipingere di pennellate calde e decise ogni singola foglia, ogni rivolo d’acqua, ogni angolo di cielo.

e più scure diventano le noci
e le bacche hanno un viso più rotondo.
La rosa non è più nella città.
L'acero indossa una sciarpa più gaia.
La campagna una gonna scarlatta,
Ed anch'io, per non essere antiquata,
mi metterò un gioiello.
-Emily Dickinson

Nei luoghi che ricadono nel Parco si rimane affascinati per mille motivi: i borghi che ne fanno parte riescono ad accogliere il visitatore in atmosfere talvolta surreali, mentre percorrendo sentieri e vallate è la natura la vera protagonista.

Flora, fauna, niente è dato per scontato: le fronde dei rami sembrano danzare accarezzate dai raggi del sole, mentre le foglie bisbigliano ad ogni alito di vento. E poi le nuvole, che dipingono l’azzurro cielo e che ogni tanto velano sì il Sole, ma subito dopo ci regalano giochi di luce e colori iridescenti. Vi era un tempo in cui le cascatelle, poche ma d’effetto, scorrevano impetuose anche in autunno, alimentate dalle piogge stagionali che ora, ahimè, scarseggiano pericolosamente. Ma arriverà l’inverno e porterà con sè la neve e le cascate torneranno ad essere vive. Intanto da diversi anni ha preso piede un fenomeno tipico dell’autunno: il foliage.

Anche le Madonie vengono avvolte da questo momento di magia, in cui i colori si fanno sempre più intensi, passando dal giallo all’arancio, per culminare con il rosso che di lì a poco inonderà il paesaggio di tonalità indescrivibili, rese talvolta più interessanti anche dalle nebbie autunnali. Nei pressi di Piano Zucchi vi è l’ormai famoso Laghetto di Mandria del Conte: qui è facile constatare il passaggio di testimone tra le stagioni, che rendono il luogo sempre nuovo e suggestivo: le acque del lago riflettono gli alberi, suoi custodi, che con i loro colori cangianti riescono a creare un’atmosfera magica.

Alle loro spalle le pareti di roccia sembrano voler proteggere quella bellezza che in autunno diventa una colata d’oro sul paesaggio, mentre il Monte Mufara svetta silenzioso e fiero con in cima il suo occhio puntato verso lo spazio infinito. Avventurandosi per Piano Zucchi, Piano Battaglia o Piano Cervi è molto facile negli ultimi tempi
imbattersi in esemplari di daini e volpi, che oramai si spingono sempre più verso le strade. Sono dei piacevoli incontri da fare, soprattutto per i fotografi che spesso hanno l’opportunità di cogliere il momento giusto per poterli immortalare.

Tra foliage, suggestive nebbie e splendida fauna non dimentichiamo di volgere lo sguardo anche al cielo, dove i tramonti cedono il passo a luminose lune e a notti colme di innumerevoli stelle.

Articolo e foto di: Teresa Molinaro

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Palermo: Acque dal depuratore per l’agricoltura
    Agli agricoltori di Marineo e Corleone acqua depurata per coltivare i campi. È l’obiettivo di un’iniziativa con fondi europei che il Gal “Terre Normanne” sta mettendo a punto insieme con dipartimento di Ingegneria dell’Università di Palermo, i Comuni di Corleone e Marineo, l’Amap, il Consorzio di bonifica e l’Ati. Il progetto prevede un finanziamento da
  • Novembre e l’invasione dei ciclamini. Come conservarli dopo la stagione.
    I Ciclamini sono piante molto decorative per via del colore delle foglie, la forma stessa e i colorati fiori, ma anche economiche e facili da trovare in tutti i negozi, dal supermercato al vivaista di fiducia. Inoltre la versione “mini” di questa pianta la rende molto gradevole anche per i bambini. Spesso, molto spesso, dopo
  • L’olio del cipresso o oleum cipressi: qualità balsamiche conosciute da sempre
    Le proprietà benefiche per i polmoni sono conosciuti fin dall’antichità quando i medici greci inviavano a Creta i malati per lunghe passeggiate sotto i cipressi di cui l’isola era piena. Dagli aghi, dai rami più teneri e dai frutti dei cipressi ( che in realtà non sono propriamente tali) si ottiene un olio, l’oleum cipressi,
  • Il tipo di terreno e come renderlo perfetto alla coltivazione
    I terreni si possono dividere in argillosi, sabbiosi, calcarei, salsi, umiferi. Sono terreni argillosi tipici quelli maggiormente compatti. Per questa loro caratteristica si lavorano con molta fatica e non lasciano circolare agevolmente l’acqua, che, a causa di ciò, difficilmente può arrivare negli strati profondi e, fermandosi alla superficie dà luogo ad una caratteristica mota appiccicosa
  • Cipresso Arizonica o dell’Arizona
    Conosciuto come Cupressum Glabra o cipresso dell’Arizona è appunto originario degli Stati Uniti, nella parte centrale dello stato dell’Arizona, dove forma grandi foreste. La pianta ha una altezza che varia tra i 7 ed i 18 metri, un diametro di 3 – 5 metri con il tronco ed i rami secondari eretti che, nell’insieme, conferiscono
  • Cipresso sempervirens o italico, quello comune
    In Italia è caratteristico, insieme agli ulivi, del nostro paesaggio italico. Proprio per questo motivo è chiamato cipresso italico o comune. E’ un albero molto longevo e, in condizioni ideali, può vivere per millenni e può raggiungere altezze di oltre venti metri con in tronco diritto e colonnare: i rami eretti e molto vicini al

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.