Viola tricolor var. hortensis

Questa pianta con i suoi fiori così dolci e dall’aspetto un pò timido, è il simbolo dell’amore delicato e tenero, ricco di romanticismo. Gli inglesi fin dal Medioevo hanno avuto una particolare predilezione per questo fiore: i cavalieri della Tavola Rotonda lo consultavano per conoscere il loro destino interpretando il numero e la disposizione dei raggi che, partendo dal centro della viola del pensiero, s’irradiavano sui petali.

La viola del pensiero (Viola tricolor), chiamata dai francesi pensée, divenne nel Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare la chiave di tutta la commedia. È un fiore che propizia l’amore, come spiega Oberon raccontando che una freccia di Cupido cadde un giorno sulla viola del pensiero:

Era caduta sopra un fiorellino dell’occidente,
già color del latte,
ma ora trascolorato in purpureo
per amorosa piaga;
viola del pensiero è chiamato quel fior dalle fanciulle.
Vanne in cerca: te l’ho mostrato un giorno.
Il succo suo se stilli su ciglia addormentate
a far delirare basta o uomo o donna
che veda la viola al suo risveglio.

Giuseppe De Palma

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Gli archei e i batteri nella lotta primordiale sulla terra
    Tutto è cominciato centinaia di milioni di anni fa, quando la Terra era ancora un luogo giovane e inospitale, dove l’atmosfera era composta principalmente da gas tossici come l’anidride carbonica e il metano. In questo ambiente ostile, gli archei e i batteri erano le forme di vita dominanti. I padroni dovevano essere i vulcani e
  • Storie per bambini: la volpe ed i lavori nell’orto
    C’era una volta un piccolo paese circondato da bellissime colline verdi, dove vivevano tanti animali che si divertivano a giocare e a fare lunghe passeggiate nella natura. Ma un giorno, una volpe molto furba decise di fare un giro per il paese, e vide una bellissima fattoria con un grande orto poco distante dalle piccole
  • Come classifichiamo gli essere viventi?
    La classificazione degli esseri viventi si basa sul sistema tassonomico di Linneo, che organizza gli organismi in base a caratteristiche fisiche e morfologiche. Il sistema di classificazione si basa su sette livelli gerarchici, o taxa, che sono, in ordine dal più generale al più specifico: regno, phylum, classe, ordine, famiglia, genere e specie. Ecco una
  • La leggenda del Dio del Vino, Dionisio, e di Icario
    C’è una vecchia leggenda greca sull’uva che racconta la storia di Dioniso, il dio del vino, e di un umile agricoltore di nome Icario. Un giorno, Dioniso donò a Icario alcuni semi di uva, insegnandogli come coltivarli e come fare il vino. Icario seguì con attenzione i consigli del dio e iniziò a coltivare le
  • Tassonomia: la suddivisione dei esseri viventi
    L’uomo ha sempre cercato di classificare gli essere viventi. Il primo a provarci fu Sant’Agostino nel IV secolo che divise gli essere viventi a secondo che fossero utili, dannosi e superflui rispetto alle attività umane. Una cavalletta che distruggeva i raccolti, ad esempio, era dannosa. Oggi le coccinelle sarebbero nella categoria utili. Da Aristotele e
  • I nomi scientifici e le categorie tassonomiche
    Che cosa è una specie? Una domanda necessaria per entrare nel mondo dei nomi scientifici. Prima di Darwin le specie presentavano caratteristiche morfologiche fisse e gli scienziati determinavano un “esemplare tipo” che veniva etichettato e depositano in un museo. Diventava un confronto per stabilire a che specie un determinato animali o pianta appartenesse. Gli evoluzionisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.