Asphodelus macrocarpus – Asfodelo: è una specie commestibile ed officinale.

Gli asfodeli sono stati utilizzati soprattutto durante le carestie. I loro germogli venivano consumati fritti o bolliti, anche le radici venivano bollite o cotte sotto la cenere, o, ridotte in farina per la panificazione, a volte mescolate con granaglie o patate. Anche i semi venivano utilizzati, come condimento o grigliati.

In Egitto e nelle Isole Canarie è utilizzato per estrarre una sostanza colorante usata per tingere di giallo le stoffe e i tappeti.
Venivano anche preparate sostanze collose e con i fusti seccati, si intrecciavano cesti usati per la panificazione.

I fiori degli asfodeli vengono ricordati nella mitologia come il simbolo dei defunti ed erano utilizzati per adornare le tombe. Gli antichi Greci rappresentavano il regno dei morti ricoperto di asfodeli. Omero scriveva nell’Odissea (canto IX): spiega che avevano il compito di accompagnare nell’Ade, le anime degli eroi, “La dove gli eroi sono caduti i prati si sono ricoperti di asfodeli che avevano il compito di accompagnare le loro anime nell’Ade”.

Era piantato su tombe ed è spesso collegato a Persefone , che appare incoronata da una ghirlanda di asfodeli. La sua connessione generale con la morte è senza dubbio dovuta al colore grigiastro delle sue foglie e al pallore dei fiori, che suggeriscono l’oscurità degli inferi e il pallore della morte.

Plinio invece racconta che l’Asfodelo veniva seminato intorno alle case, contro i sortilegi. Le radici furono mangiate dai greci più poveri; quindi tale cibo era ritenuto abbastanza buono per le ombre. Pare fosse usato anche per proteggersi dalla stregoneria.

Il suo nome deriva dalle parole greche ‘a’ e ‘sphallo’ che significano: ‘senza cadere’, riferito alla sua robustezza.
Era definito bastone di San Giuseppe perché una curiosa tradizione vuole che il santo fosse stato prescelto come marito di Maria dai Consiglieri del Tempio, dopo che il suo bastone, fatto con il gambo di un Asfodelo, fiorì improvvisamente.

Giuseppe De Palma

Foto Antonino Messina
Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Il verde della clorofilla ed i colori dei fiori. Come la natura ci regala tanta meraviglia: i plastidi
    La natura ci regala una infinità di colori strabilianti. Il colore dominante della natura è certamente il verde delle foglie, dell’erba, delle piante grasse, ma la bellezza dei colori di fiori e di alcune foglie ci fa innamorare delle meraviglie naturali. I colori nel mondo vegetale sono determinati dai plastidi contenuti nelle cellule vegetali. I
  • Che cosa è una cellula vegetale e quali sono le differenze con una cellula animale.
    La cellula è la più piccola parte di un organismo vivente. Esistono organismi formati da una sola cellula, i batteri ad esempio, che sono antichi miliardi di anni. La cellula vegetale è autotrofa, cioè, riesce a sintetizzare una molecola di glucosio da sostanze inorganiche come l’acqua e l’anidride carbonica. Questa è certamente la principale differenza
  • Botanica: alcuni nomi difficili da ricordare…
    In botanica sono in uso moltissimi nomi da conoscere. Per gli appassionati o gli studenti è necessario conoscere alcuni nomi che identificato le nostre piante e ne descrivono alcune caratteristiche. Ci sono piante i cui semi sono monocotiledoni e dicotiledoni. Hanno caratteristiche tanto diverse. Monocotiledoni Le monocotiledoni sono piante appartenenti alle angiosperme i cui semi
  • Cinque piante che non possono mancare in un appartamento
    Le cinque piante che non dovrebbero mai mancare in un appartamento selezionate per la facilità di coltivazioni in un ambiente chiuso e poco illuminato. Inoltre queste piante hanno la capacità di purificare l’aria della nostra casa e, come la Sanseveria, possono stare anche nella stanza da letto. Ficus Elastica (Ficus Elastica): noto anche come Ficus
  • CRISI AGRICOLTURA. Gennuso (FI) “Dichiarare calamità climatica”
    “Dichiarare lo stato di calamità climatica per individuare strumenti e risorse utili per sostenere le aziende agricole e dell’indotto, messe ormai in ginocchio da un clima impazzito, che in inverno vede punte di ben 22 gradi.”E’ quanto chiede Riccardo Gennuso, deputato regionale di Forza Italia, che ha presentato oggi una mozione all’Assemblea Regionale Siciliana con
  • La Sanseveria in poche parole
    La Sanseveria è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Asparagaceae. È nota anche come “pianta delle lingue di serpente” o “pianta della seta” a causa della sua caratteristica foglia liscia e lucida. La Sanseveria è originaria delle regioni tropicali dell’Africa e dell’Asia, ma oggi è coltivata in tutto il mondo come pianta d’appartamento. Le

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.