Eco Turismo

Belpasso (CT): settima sagra del ficodindia

Dopo due anni di stop forzato a causa delle limitazioni dovute alla Pandemia da Covid, torna a Belpasso la ” VII SAGRA del FICODINDIA dell’ETNA DOP – BELPASSO (CT) “, in programma presso la villa comunale, dal 14 al 16 ottobre.

Una tre giorni di eventi, spettacoli e #degustazioni per rendere omaggio al ficodindia, frutto tipico e largamente apprezzato non solo per il suo gusto così dolce e intenso, ma anche e soprattutto perché rappresenta l’emblema dell’economia circolare e della sostenibilità. È l’unica pianta – ha affermato la FAO – che riesce a combattere e resistere a notevoli cambiamenti climatici. Con le parti della sua pianta, inoltre, molte aziende riescono a produrre sostanze nutraceutiche e farmaceutiche in quanto sono di straordinaria valenza per la salute umana.

Per tutti questi motivi e non solo, l’amministrazione del sindaco Daniele Motta, con il suo vicesindaco con delega al Turismo, Tony Di Mauro, insieme alla Pro Loco Belpasso e con il contributo di giunta e consiglieri, continuano a puntare su questa sagra come momento di valorizzazione di un frutto dal valore enorme, e come volano di valorizzazione del territorio e dell’intera città di Belpasso

Nel rispetto della sua tradizione, la sagra avrà un #programma fittissimo che scatterà sin dal pomeriggio inaugurale, fissato per venerdì 14 ottobre, alle 18.30
Degustazioni (tra cui quella del riso ai fichidindia a cura dell’Ist. Alberghiero di Nicolosi) #showcooking, #aziende, #produttorilocali, #artigianato;
un convegno a cura di #EuroAgrumi sull’importanza delle proprietà del ficodindia;
un laboratorio del gusto a cura dell’ ONAV Catania sull’abbinamento del vino con il ficodindia e la mostarda;
un’ estemporanea di pittura e molto altro…come il Concorso Etna Dulce con il premio della Critica dedicato a Turi Piana (per questo Concorso sono ancora aperte le iscrizioni), in cui i concorrenti dovranno presentare le proprie dolci creazioni con base ficodindia;

E ancora le visite guidate a cura del #AI alla volta dei sitiuseali Belpassesi: il “Mecanè” sui Carri di S. Lucia e il “V. Bruno”, museo etnoantropologico e archeologico.

Sarà, inoltre, un’edizione all’insegna della musica con gruppi di forte richiamo.
Nella giornata di sabato 15 ottobre, infatti, grande show Sicilia cabaret, musica e risate con i “ #FalsidAutore ” che si esibiranno nelle cover più amate della musica italiana.

Mentre domenica 16 ottobre la Sagra chiuderà con il grande gruppo “ Malarazza 100% Terrone ” che darà vita ad un concerto rock, folk, etnico, fusi in un genere unico; un evento imperdibile e coinvolgente per ogni fascia d’età.

Si apprezzeranno anche gruppi a “km zero”, dunque locali come i “The new gentleman”, cover band di Bublè; “Cut Lish”, musica Siciliana.

“La Sagra del Fico d’india DOP dell’Etna rappresenta molto per Belpasso – affermano il sindaco Motta e il suo vice Di Mauro – e siamo davvero felici di averla potuta confermare quest’anno. Vogliamo riconsegnare alla città un evento molto amato sul quale continuiamo a scommettere per la ricaduta economica, culturale e pubblicitaria che ha sempre dato e continuerà a dare a Belpasso”

Se volete avere maggiori informazioni sulla coltivazione, anche in vaso, del ficodindia potete leggere il libro di Giuseppe Barbera e di Paolo Inglese, scritto nel 1993 e che può essere interessante. Lo trovi facilmente su Amazon.it

Nel cuore della Sicilia è possibile gustare il miele di ficodindia. Un miele davvero unico e raro che solo le api siciliane possono sintetizzare durante il periodo di fioritura del ficodindia. Una produzione limitata nelle quantità e dal gusto unico. L’azienda che lo produce scrive:
Il miele di Fico d’India ha un odore tipico ed intenso ed un sapore che ricorda appieno la “pala” del fico d’india, da un gusto deciso e particolare. Un miele di non facile produzione data la sua cristallizzazione molto veloce, molto indicato da gustare spalmato sul pane.

Il miele viene prodotto a Milo vicino Zafferana fin dai tempi antichi. Natura incontaminata, parchi sul Etna naturali e clima favorevole sono le condizioni ottimali alla base di mieli di alta qualità. I contadini producevano mieli di diverso tipo grazie alla grandissima varietà di piante e fiori presenti nel territorio Etneo Peso netto 500gr . Potete acquistarlo su Amazon.it

P.S. quando acquistate su Amazon.it tramite i nostri link ci aiutate a mantenere attivo questo sito.

Leggi su Nati per Terra

Ultimi articoli sul sito:
  • Amaryllis (Amarillide), il fiore che incanta.
    La specie più amata prende il nome di Belladonna, forse per la sua bellezza, dai colori vivaci e dalle dimensioni giganti. L’Amaryllis Belladonna e le sue varietà appartengono alla famiglia delle Amirallidacee e sono molto apprezzate dagli amanti del giardino per i fiori, ma anche per le foglie. E’ una pianta bulbosa, con bulbi molto
  • Cose di Sicilia: C’era una volta lu “strattu”… di pomodoro (la conserva)
    Può impreziosire piatti che necessitano di lunghe cotture; infonde colore e aromi tipici, crea corposità nelle preparazioni in cui viene usato. Si sta parlando del concentrato di pomodoro che in Sicilia viene chiamato “ ‘u strattu”. Il nome letteralmente significa estratto, deriva quindi dalla parola “estrarre”, ed effettivamente dal pomodoro vengono estratti tutti i sapori,
  • Quando il riso si coltivava in Sicilia e Cavour lo vietò per favorire il Piemonte
    Il riso in Sicilia lo portarono gli Arabi intorno all’anno Mille. Non solo lo portarono, ma insegnarono a coltivarlo e le risaie erano presenti nella Piana di Catania, nella Piana di Ribera, di Lentini e di Gela, fino al 1861, quando, per regio decreto, furono vietate. Fu così, vietato seminare il riso, con la grande
  • La cocciniglia negli agrumi venuta da lontano
    l’Italia è al centro del Mediterraneo e questa sua posizione geografica l’ha resa un crocevia di merci provenienti da tutto il mondo. Però insieme alle merci arrivano anche insetti, virus, batteri e funghi che nel nostro territorio trovano le condizioni migliori per ambientarsi e proliferare.I cambiamenti climatici degli ultimi decenni hanno certamente agevolato la velocità
  • Come si classificano degli ecosistemi?
    Gli ecosistemi si possono classificare in vari modi in rapporto a determinati fattori abiotici o biotici. Se consideriamo l’ecosistema il rapporto all’ambiente chimico fisico dominante avremo:Ecosistemi Marini o delle acque salate;Ecosistemi delle acque dolci;Ecosistemi dei suoli inondati che possono avere origine naturale o interessati dall’intervento dell’uomo;Ecosistemi terrestri in cui l’azione dell’uomo può essere nulla o
  • Un anno ricco di eventi per l’Orto Botanico di Palermo
    L’Orto Botanico di Palermo si conferma ricco di eventi che hanno avuto particolare successo tra il pubblico e il nuovo anno si spera possa essere altrettanto interessante e ricco di novità. L’Orto botanico di Palermo è un’isola di biodiversità, un museo vivente che ormai è anche uno tra i più importanti centri culturali della città,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.